Qual'è il meccanismo di morte ce…

[caption id="attachme…

Ricerca italiana su sclerosi mul…

Il trattamento con cellul…

Il vaccino contro il morbillo, i…

[caption id="attachment_7…

Antivirale naturale estratto dal…

L'estratto di Acerola, no…

Leucemia: primi risultati con la…

"Una sorta di 'super …

La ragnatela non ha segreti. Sar…

Washington, 2 nov. - Ades…

Morbo di Parkinson: il semplice …

Un nuovo studio mostra co…

Endometriosi: fino al 10% posson…

L'endometriosi è una pato…

Ritmo cardiaco: resettabile con …

Trasferendo con un vettor…

Uno scheletro di due milioni di …

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Allarme lipofilling che danneggia il seno

Per tanti anni c’e’ stato un veto della Societa’ americana di chirurgia plastica contro il lipofilling al seno – tecnica che prevede il riciclo del proprio grasso corporeo per trasferirlo nelle mammelle – per il rischio di interferenza con la prevenzione dei tumori.

Solo dal 2000 si e’ cominciato, prima in America e poi in Europa – e con il supporto di studi clinici – a trattare con questa tecnica esclusivamente le donne gia’ operate di tumore, ma con non piu’ di 100-200cc di grasso, limite entro il quale non si correrebbero rischi che invece, se si esagera, potrebbero esserci. Dopo lo scandalo delle protesi PIP e’ aumentata la ricerca di soluzioni alternative in campo estetico, favorendo il lipofilling anche tra le donne sane, e ci sono chirurghi che arrivano a “imbottire” le mammelle a dismisura con oltre 1 kilo di grasso per lato.


“Molte donne sane – spiega Egidio Riggio, specialista in chirurgia plastica, ricostruttiva, estetica e microchirurgia presso l’Istituto Nazionale Tumori di Milano – potrebbero avere alcune cellule tumorali dormienti, ancora non invasive, che magari rimangono tali per anni o per sempre, oppure no. Il seno non e’ solo espressione di femminilita’, maternita’, e’ soprattutto una ghiandola che, purtroppo, ancora oggi provoca il maggior numero di tumori e la maggior mortalita’. Ogni anno in Italia si ammalano 100 donne ogni 100.000, per questo ogni tecnica e metodica chirurgica riguardante il seno andrebbe prima studiata a lungo e poi applicata in modo rigoroso, scientifico e prudente. E’ importante mantener fede a un principio ideale di salute della donna in ogni operazione al seno eseguita – estetica o ricostruttiva che sia – selezionando la tecnica chirurgica meno invasiva e impiantando il materiale piu’ sicuro, senza lasciarsi corrompere dalle mode passeggere e dai facili guadagni che possono girare rovinosamente nel mondo della medicina e della chirurgia estetica”. Con il lipofilling il risultato e’ naturale e non restano cicatrici, ma l’aumento senza rischi e’ di una taglia, non di piu’. Inoltre, continua Riggio, “Bisogna essere consapevoli che non si puo’ prevedere, prima di due mesi dall’impianto la quota di grasso che sopravvive nella nuova sede. Puo’ esserci bisogno di una ripetizione per arrivare a una misura definitiva e non e’ detto che il risultato finale sia simmetrico. I rischi potenziali sono di due tipi, quelli benigni, noti da tempo ai chirurghi e proporzionali alla quantita’ di grasso inserito e alla zona del seno da riempire che se sbagliata puo’ produrre cisti, granulomi, macrocalcificazioni e deformazione. E poi ci sono rischi sconosciuti, ovvero non ancora studiati, che concernono pero’ quei lipofillings dove si concentrano volutamente fattori di crescita e cellule staminali potenziate. Dunque, per quanto riguarda un aumento evidente del seno, le protesi al silicone restano la miglior soluzione se sono di ottima qualita’, robuste, con gel molto coesivo, meglio se di forma anatomica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: