Tumore colon retto: bassa l'ades…

TUMORE DEL COLON RETTO:…

Nanoparticelle per studiare da v…

Lo studio dei processi ch…

Diabete e depressione: come si '…

[caption id="attachment_1…

Ulcere cutanee: arriva Prisma® S…

Nuova medicazione solida …

Tumori del seno: test molecolari…

[caption id="attachment_7…

Il disordine dismorfico più diff…

Anoressia e disturbi alim…

Ricreati in Italia tessuti musco…

E' nato in laboratori…

Denti e gengive sani proteggono …

Denti puliti non sono sol…

Intelligenza e geni correlati: t…

Per decenni si e' pensato…

Depressione: una proteina potreb…

Gli scienziati hanno…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete: individuata soglia specifica test sangue

L’American Diabetes Association raccomanda il test dell’emoglobina A1c (HbA1c) come prova base per identificare il diabete e il prediabete. In particolare, l’impostazione di una soglia specifica di HbA1c per l’individuazione del prediabete potrebbe essere utilizzata per determinare l’eleggibilita’ degli interventi di prevenzione dei tipi piu’ grave diabete di tipo 2.

Ora un nuovo studio condotto dai Centers for Disease Control and Prevention dimostra che l’abbassamento di questa soglia aumenta i benefici per la salute degli interventi di prevenzione, anche se a costi piu’ elevati. La ricerca sara’ pubblicata nel numero di aprile del Journal of Preventive Medicine. “L’implementazione su larga scala di iniziative di prevenzione evidence-based sul diabete di tipo 2 dipende da una strategia chiara ed efficace finalizzata a identificare gli individui ad alto rischio di questa tipologia di diabete”, ha spiegato Xiaohui Zhuo, direttore della Division of Diabetes Translation dei Centers for Disease Control and Prevention, “si tratta del primo studio che analizza il rapporto tra costi e benefici di metodi alternativi di test basati sull’emoglobina HbA1c per determinare l’eleggibilita’ di interventi di prevenzione sul diabete di tipo 2”.

Il team di ricerca ha utilizzato un modello di simulazione per esaminare l’efficacia dei costi associ ati a alla progressiva diminuzione (dello 0,1 per cento per volta) della soglia di diagnosi prediabetica basata sul test HbA1c, dal 6,4 per cento (com’e’ ora) al 5,5 per cento. I ricercatori hanno scoperto che l’abbassamento della soglia del test almeno al 5,7 per cento si rivela conveniente sia per l’efficacia della diagnosi che per i costi sanitari legati all’attivita’ preventiva. Le principali organizzazioni cliniche hanno quindi raccomandato l’uso di HbA1c come un ulteriore strumento diagnostico. “Il suo uso come strumento di screening aumentera’ certamente – ha concluso Zhuo – per identificare i soggetti ad alto rischio”.
Salute – AGI

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!