Chili di troppo che si ereditano…

I chili di troppo si ered…

Prima colazione: tutti gli strat…

"Prima colazione? Non ri…

Dolore cronico nei pazienti anzi…

Tecniche di comunicazione…

Riserva ovarica e gene guardiano…

La sovraespressione del…

AIDS: nuovo approccio per combat…

Identificato il meccanis…

Stress ossidativo: Telethon svel…

Dalla ricerca Telethon su…

Autismo: stimolazione cerebrale …

La stimolazione cerebrale…

L'osservatorio Federsalus lancia…

Per gli abitanti del Bel …

Vitamina D3, cistatina e tumori …

[caption id="attachment_1…

Quando i bruciori allo stomaco n…

La pirosi frequente -…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Pressione sanguigna: il Magnesio riduce l’ipertensione arteriosa

Sebbene non al pari di un farmaco, un’integrazione di magnesio può ridurre significativamente la pressione arteriosa diventando un valido quanto naturale complemento nel trattare la pressione alta o l’ipertensione.


Riuscire ad abbassare la pressione sanguigna senza per forza doversi imbottire di farmaci non sarebbe niente male. E forse una possibilità c’è. Si trova nel magnesio, un minerale naturale già noto per i suoi effetti “rilassanti” che, secondo uno studio pubblicato sull’European Journal of Clinical Nutrition, può abbassare la in modo significativo la pressione, e i risultati sono proporzionali al dosaggio.

Sono stati i ricercatori britannici dell’Università di Hertfordshire ad aver scoperto che gli integratori di magnesio possono favorire piccole ma clinicamente rilevanti riduzioni della pressione arteriosa. Lo hanno fatto dopo aver analizzato 22 studi clinici che, in totale, vedevano coinvolte 1.173 persone. La meta-analisi ha valutato gli effetti del magnesio sulla riduzione della pressione sanguigna.

«Fino a ora, ci sono state prove inconcludenti per quel riguarda l’effetto degli integratori di magnesio sulla pressione sanguigna», ha dichiarato nel comunicato UH la nutrizionista Lindsy Kass, spiegando il perché di questa ricerca.

Gli studi clinici oggetto della meta-analisi erano stati condotti con periodi di follow-up diversi e compresi tra le tre e le ventiquattro settimane; le dosi di integrazione di magnesio variavano anch’esse a seconda dello studio e andavano da 120 mg a 973 mg.
I dati raccolti e combinati hanno mostrato che in generale le supplementazioni di magnesio inducevano una riduzione sia della pressione sistolica che diastolica. Inoltre, i risultati apparivano via via più significativi in base alla dose somministrata.

«Il significato clinico nelle riduzioni scoperte in questa meta-analisi può essere importante per contribuire a prevenire l’ipertensione e i rischi associati alle malattie cardiovascolari. Ed è degno di futuri studi condotti con una metodologia solida», conclude Lindsy.
Se dunque i supplementi di magnesio possono davvero abbassare la pressione, perché allora non cominciare a consumare cibi che contengono in maggiore misura questo prezioso minerale? In questo modo possiamo comunque favorire una migliore funzionalità vascolare in modo naturale e, magari, abbinarla alle eventuali cure cui siamo sottoposti per questo problema.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi