SMA: entro fine anno parte speri…

Entro fine anno arriveran…

Antiossidanti: per preservare ca…

Le funzioni muscolari pre…

Antibioticoterapia In età pediat…

Le figure più autorevoli …

Ipertensione: la denervazione re…

''Promettenti e incoraggi…

Fumo passivo: oltre il 50% delle…

Piu' della meta' delle do…

Nanoparticelle d'oro contro il m…

Microsfere in oro zecchin…

Alzheimer: declino cognitivo più…

L'Alzheimer ha i suoi si…

Scoperti meccanismi genetici che…

Roma, 26 ago - Scoperte l…

Il ritmo dei neuroni che aiuta l…

Come il metronomo batte i…

Uova a zero rischio allergia: nu…

I ricercatori della Deaki…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Uova a zero rischio allergia: nuova scoperta che arriva dall’Australia

I ricercatori della Deakin University di Melbourne (Australia) stanno lavorando alla produzione di uova che non determinino lo scaternasi di allergie. Se, come stimato dagli scienziati coinvolti nel progetto, le ricerche saranno portate a termine nel prossimo triennio, saranno necessari dai 5 ai 10 anni per poter acquistare le uova anti-allergia nei supermercati.

I ricercatori australiani modificheranno le molecole dell’uovo responsabili delle allergie.

Fra le 40 proteine presenti nell’albume, infatti, 4 presentano delle porzioni in grado di stimolare in modo esagerato il sistema immunitario. Lo studio prevede l’applicazione di una tecnica, nota come “Rna interference”, che non comporta modificazioni nei geni della gallina, ma che permette di eliminare direttamente nell’uovo le porzioni di proteina che causano allergia. In questo modo sarà possibile ottenere galline che producono uova sicure anche per chi è allergico.

La notizia apre nuove speranze sia per chi non può mangiare nessun cibo che contenga tracce di questi alimenti, sia per il suoi familiari. “L’effetto di questo tipo di allergia sull’intera famiglia è immenso – spiega Tim Doran, uno degli scienziati coinvolti nel progetto – perché in molti i casi tutti i cibi devono essere preparati a casa perché non si può essere sicuri che gli alimenti acquistati fuori non contengano tracce di bianco d’uovo”.

Non solo, queste uova potranno essere usate anche per produrre vaccini, nella cui sintesi è utilizzato proprio l’albume e che, quindi, non possono essere somministrati a chi è allergico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi