Salmonella ipervirulenta: dagli …

Individuato un metodo per…

Tac Spirale: indispensabile per …

Uno studio statunitense a…

X Fragile, studio chiarisce i me…

Nella sindrome, l'assenza…

Vitamine B6 e B12, dimostrata la…

[caption id="attachment_8…

Resveratrolo contro diabete e di…

Il resveratrolo, una dell…

Un software contro la droga

L’'Università di Milano-B…

Nelle malattie muscolari cronich…

Quando un danno al tess…

Tumore cerebrale: la radioterapi…

Un nuovo sistema consente…

Artrite reumatoide: per le donne…

Artrite reumatoide, per l…

Sequenziato genoma peronospora: …

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Antibiotici che mettono a rischio la retina, provocandone il distacco. Effetti collaterali

Alcuni tipi di antibiotici sono legati a un maggiore rischio di distacco della retina. I farmaci sotto accusa, secondo un nuovo studio pubblicato sul Journal of American Medical Association, sono noti come ‘fluorochinoloni’ e includono la ‘ciprofloxacina’ e la ‘levofloxacina’. “Sappiamo che questi farmaci sono tossici per il tessuto connettivo della cartilagine”, ha detto Mahyar Etminan, autore principale dello studio promosso dal Child and Family Research Institute of British Columbia di Vancouver.


“Ricerche precedenti collegano, inoltre, i fluorochinoloni ai danni ai tendini della spalla”, ha aggiunto. Si tratta di effetti collaterali gravi. Il distacco della retina infatti inizia con la comparsa di linee o punti sull’occhio ma puo’ arrivare a causare cecita’ permanente se non e’ trattato chirurgicamente in pochi giorni. Per arrivare a queste conclusioni Etminan e i suoi colleghi hanno utilizzato dati provenienti dai registri dei trattamenti oculistici del British Columbia somministrati dal 2000 al 2007.

Un totale di quasi un milione di pazienti che comprendeva circa 4.400 persone con diagnosi di distacco di retina con una media di eta’ di 61 anni. Dall’indagine e’ emerso che uno ogni 30 pazienti con distacco di retina stava prendendo un� fluorochinolone al momento della diagnosi, in particolare la ciprofloxacina. “La spiegazione piu’ probabile e’ che gli antibiotici danneggino le fibre e il tessuto connettivo degli occhi, attaccando il corpo vitreo e la retina”, hanno concluso i ricercatori .(AGI)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!