Prima volta microchip infetta uo…

[caption id="attachment_7…

Rituximab migliora sopravvivenza…

Roche ha annunciato i dat…

Rapamicina: scoperte ulteriori p…

[caption id="attachment_6…

Fratture vertebrali: a Teramo te…

Presso l’Unità Operativa …

Fumatori italiani i meno convint…

I fumatori italiani sono …

Nanoparticelle guidate da un mag…

[caption id="attachme…

La chiave del dimagrimento è nel…

[caption id="attachment_2…

Moduli a DNA per lo storage dei …

Nuovi progressi nello sfr…

Rigenerazione dei nervi: scopert…

Identificata un'unica mol…

Diabete: scoperta interazione tr…

Un team di scienziati del…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro orale, presto test della saliva per rilevarne la presenza

Presto sara’ sviluppato un nuovo test della saliva per rilevazione del cancro orale. La ricerca e’ effettuata da un team della Michigan State University e potrebbe rappresentare una svolta nello screening della patologia e nella efficacia della lotta per la prevenzione del sesto tipo di cancro piu’ diffuso al mondo.

Per avviare la fase di sperimentazione clininca, lo studio prevede l’arruolamento di 100-120 pazienti con lesioni bianche o escrescenze nell’area orale e nelle zone tonsillari. Il team dell’universita’ americana dovra’ riscontrare la presenza di alcuni biomarcatori del cancro orale gia’ precedentemente individuati da un gruppo di scienziati dell’Universita’ della California – Los Angeles. Con la creazione di un semplice test della saliva, che potrebbe identificare la presenza del biomarker, i medici potrebbero con molta semplicita’ individuare i pazienti che necessitano di trattamento e quali, invece, potrebbero evitare inutili e invasive biopsie.

“La maggior parte delle lesioni bianche sono benigne – ha detto allo Science Daily Barry Wenig, docente di Chirurgia presso il College of Human Medicine’s Department dell’Universita’ del Michigan – quindi nella maggior parte delle le biopsie non sono necessarie. Al contrario, un semplice test ci permetterebbe di identificare quei pazienti con lesioni maligne e intervenire quindi su di esse con un trattamento piu rapidi ed efficace”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi