La pillola dei 5 giorni dopo dal…

Dal 2015 il farmaco potre…

Caldo: dall'Euterococco alla zuc…

Estate è sinonimo di ma…

Schizofrenia: studiato un possib…

Nel corso della ricerca s…

Chirurgia toracica video-assisti…

Presso il Centro Congre…

NATURE NEUROSCIENCE: Identificat…

Si aggiunge un tassello a…

Curcuma: studio sul potere rigen…

La nota spezia, già ogget…

Dal veleno di scorpioni, serpent…

Le loro tossine possono e…

Diabete: prevenirlo con i "batte…

I batteri intestinali, o …

Terapie oncologiche a misura di …

Un malato di cancro su 3 …

Ictus: alti livelli di tungsteno…

Nuove ricerche rivelano c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro orale, presto test della saliva per rilevarne la presenza

Presto sara’ sviluppato un nuovo test della saliva per rilevazione del cancro orale. La ricerca e’ effettuata da un team della Michigan State University e potrebbe rappresentare una svolta nello screening della patologia e nella efficacia della lotta per la prevenzione del sesto tipo di cancro piu’ diffuso al mondo.

Per avviare la fase di sperimentazione clininca, lo studio prevede l’arruolamento di 100-120 pazienti con lesioni bianche o escrescenze nell’area orale e nelle zone tonsillari. Il team dell’universita’ americana dovra’ riscontrare la presenza di alcuni biomarcatori del cancro orale gia’ precedentemente individuati da un gruppo di scienziati dell’Universita’ della California – Los Angeles. Con la creazione di un semplice test della saliva, che potrebbe identificare la presenza del biomarker, i medici potrebbero con molta semplicita’ individuare i pazienti che necessitano di trattamento e quali, invece, potrebbero evitare inutili e invasive biopsie.

“La maggior parte delle lesioni bianche sono benigne – ha detto allo Science Daily Barry Wenig, docente di Chirurgia presso il College of Human Medicine’s Department dell’Universita’ del Michigan – quindi nella maggior parte delle le biopsie non sono necessarie. Al contrario, un semplice test ci permetterebbe di identificare quei pazienti con lesioni maligne e intervenire quindi su di esse con un trattamento piu rapidi ed efficace”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!