Salute - Cittadinanzattiva: repa…

Il servizio di terapia d…

il DNA: le funzioni che hanno, f…

Alcuni meccanismi di prot…

Insulina e temperatura corporea:…

L'insulina è l'ormone sec…

Al via la sperimentazione a base…

[caption id="attachment_7…

Diabete: individuata soglia spec…

L'American Diabetes Assoc…

Sangue: usare la luce per esamin…

Buone notizie per chi ha …

Feste natalizie tra picco di inf…

Roma, 19 dicembre 2018 - …

Molecole per fermare i prioni

Nuovi polimeri auto-illum…

DNA batterico organizzato come t…

La bronchite e la polmoni…

Smettere di fumare porta al cuor…

Smettere di fumare potreb…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2: negli USA scoperto possibile trattamento

Il controllo dell’attivita’ di due molecole potrebbe portare a un nuovo trattamento per il diabete di tipo 2.

Una nuova ricerca del Salk Institute for Biological Studies negli Stati Uniti ha infatti identificato due nuove molecole che regolano la produzione di glucosio nel fegato. Se si riuscisse a controllare l’attivita’ di queste due molecole, ‘IP3’ e ‘calcineurina’, si potrebbe controllare i livelli di glucosio nel sangue, come ha spiegato Marc Montminy del Clayton Foundation Laboratories for Peptide Biology.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature. ”I primi esperimenti effettuati sui topi hanno dato risultati promettenti”, ha dichiarato Montminy. ”Abbiamo scoperto – ha aggiunto – che due recettori sulla superficie delle cellule, IP3 e calcineurina, presenti in quantita’ superiori nel fegato dei pazienti diabetici, interagiscono con il glucagone, responsabile dell’aumento di glucosio nel sangue”. Concentrandosi su questi due recettori, Montminy e colleghi ritengono di essere in grado di elaborare un trattamento mirato contro il diabete di tipo 2, malattia particolarmente diffusa e onerosa per i sistemi sanitari di tutto il mondo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi