Questione Bayer: i sensazionali…

Già un anno fa l’Ema e l’…

Radicali liberi: i nemici del si…

I radicali liberi attacca…

SItI e Sanofi Pasteur MSD: partn…

Due giorni di formazion…

Gravidanza breve se preceduta da…

La durata di una gravida…

Asma: quanto incide il rapido sv…

I neonati che crescono pi…

Elisir di lunga vita? Alimentazi…

Nessun ingrediente miraco…

Rigenerazione tessuti cardiaci d…

Saranno consegnati a Ot…

Oppio altera centri cerebrali di…

L'uso dell'oppio altera l…

Sindrome di Sjogren: idrossiclor…

I pazienti affetti dalla …

Diabete e obesità: trovati gli e…

Inibire l'azione di alcun…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2: negli USA scoperto possibile trattamento

Il controllo dell’attivita’ di due molecole potrebbe portare a un nuovo trattamento per il diabete di tipo 2.

Una nuova ricerca del Salk Institute for Biological Studies negli Stati Uniti ha infatti identificato due nuove molecole che regolano la produzione di glucosio nel fegato. Se si riuscisse a controllare l’attivita’ di queste due molecole, ‘IP3’ e ‘calcineurina’, si potrebbe controllare i livelli di glucosio nel sangue, come ha spiegato Marc Montminy del Clayton Foundation Laboratories for Peptide Biology.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature. ”I primi esperimenti effettuati sui topi hanno dato risultati promettenti”, ha dichiarato Montminy. ”Abbiamo scoperto – ha aggiunto – che due recettori sulla superficie delle cellule, IP3 e calcineurina, presenti in quantita’ superiori nel fegato dei pazienti diabetici, interagiscono con il glucagone, responsabile dell’aumento di glucosio nel sangue”. Concentrandosi su questi due recettori, Montminy e colleghi ritengono di essere in grado di elaborare un trattamento mirato contro il diabete di tipo 2, malattia particolarmente diffusa e onerosa per i sistemi sanitari di tutto il mondo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!