Cellule epatiche ottenute dalla …

Un gruppo di ricercatori …

La nuova legge sulla terapia del…

Istituzioni e medici spec…

Al via l’iniziativa “Intollerant…

ALL IN - Associazione A…

Ictus: quella passeggiata quotid…

Camminare puo' ridurre il…

AIDS: farmaco usato contro la ma…

Non e' tossico, e' sempli…

“Young Against Pain”: 30, giovan…

Roma, 27 Marzo 2014 – Rap…

Alzheimer: tre nuovi biomarker p…

Per la malattia di Alzhei…

Epatologia: più fibre e meno zuc…

Una ricerca dell'European…

L’importanza di diagnosi e tratt…

Focus su alcune patologie…

Lo strano legame tra virus dell'…

Ricercatori in Italia han…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Radiografie ai denti: troppe, aumentano casi di tumori.

Le persone che hanno effettuato frequenti radiografie ai denti hanno maggiori possibilta’ di sviluppare un tumore al cervello.

In particolare, le radiazioni ionizzanti sono il fattore di rischio ambientale primario per lo sviluppo del meningioma. Questo e’ il risultato di uno studio pubblicato sulla rivista Cancer. “Anche se le radiografie sono necessarie in molti casi, questi dati suggeriscono che e’ meglio ricorrervi moderatamente per non inficiare la salute dei pazienti”, ha detto Elizabeth Claus della Yale University School of Medicine di New Haven.

L’autrice della ricerca e il suo team hanno analizzato le cartelle di 1.433 pazienti ammalati di eta’ compresa tra i 20 e i 79 anni tra il maggio 2006 e il 2011. Gli individui che hanno riferito di aver effettuato gli esami radiografici su base annua o piu’ frequentemente hanno avuto da 1,4 a 1,9 volte in piu’ di probabilita’ di sviluppare un meningioma. Il rischio aumentato di meningioma e’ apparso legato anche agli esami panorex su base annuale o effettuati frequentemente. Gli individui che hanno riferito di aver effettuato questi esami piu’ volte nell’arco di dieci anni hanno avuto un rischio 4,9 volte maggiore di sviluppare meningioma. I ricercatori hanno osservato che “oggi i pazienti che controllano i propri denti sono esposti a basse dosi di radiazioni rispetto al passato.
Tuttavia, questo st udio rappresenta l’occasione per riflettere su un uso piu’ moderato delle radiografie e soprattutto dilatato nel tempo: per i bambini una radiografia massimo ogni due anni, per i ragazzi una ogni 3 anni e per gli adulti una ogni 2-3 anni”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi