Salute - Cittadinanzattiva: repa…

Il servizio di terapia d…

il DNA: le funzioni che hanno, f…

Alcuni meccanismi di prot…

Insulina e temperatura corporea:…

L'insulina è l'ormone sec…

Al via la sperimentazione a base…

[caption id="attachment_7…

Diabete: individuata soglia spec…

L'American Diabetes Assoc…

Sangue: usare la luce per esamin…

Buone notizie per chi ha …

Feste natalizie tra picco di inf…

Roma, 19 dicembre 2018 - …

Molecole per fermare i prioni

Nuovi polimeri auto-illum…

DNA batterico organizzato come t…

La bronchite e la polmoni…

Smettere di fumare porta al cuor…

Smettere di fumare potreb…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

In Cina è allarme per malattie della pelle non curate

Solo il 32 per cento dei cinesi affetti da malattie fungine ha trattato il proprio disturbo e solo il 12 per cento ha ricevuto cure appropriate: e’ quanto emerge da una ricerca della China Medical Association riportata sul quotidiano chinadaily.it.

La causa sarebbe da attribuire alla mancanza di conoscenze e di un professionista che li guidasse nel trattamento. Un altro dato interessante riguarda i pazienti con dermatiti, eczemi o orticaria: il 44 per cento ha assunto in modo inappropriato una cura a base di corticosteroidi e solo un trattamento su quattro ha avuto esito soddisfacente.

“I pazienti con malattie della pelle hanno molti fastidi nella vita quotidiana e si sentono spesso in imbarazzo e depressi – ha commentato Liu Weidai, professore alla Chinese Academy of Medical Sciences – molti utilizzano immunosoppressori e altre cure inadeguate, invece di farsi visitare da un medico”. “Una educazione specifica delle persone e’ necessaria e aiuta a prevenire e trattare efficacemente le malattie”, ha detto Zheng Jie, vicepresidente della Societa’ Cinese di Dermatologia durante un forum nazionale sulle malattie della pelle, prima tappa di un piano nazionale che prevede anche una campagna promozionale. La campagna, organizzata dalla Dermatology Society della Chinese Medical Association, durera’ fino ad ottobre e coinvolgera’ circa 2mila ospedali in tutto il Paese.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi