Al Quarto World CTC Summit di Be…

Bologna,  24 aprile 2012–…

Il ritalin nella sindrome da ipe…

[caption id="attachment_6…

Tumori: all'IRE una lecture su t…

Aumentare l'efficacia del…

Risonanza magnetica al menisco: …

[caption id="attachment_1…

Linfoma non-Hodgkin: il vaccino.

L’ICGEB e l’Università di…

Il caffè e il buonumore

Il caffè pare abbia l…

Incubo Fibroma Uterino per una d…

ULIPRISTAL ACETATO 5MG: I…

Carcinoma midollare tiroideo: ar…

[caption id="attachment_6…

Al via la Campagna #NoiFermiamoL…

Janssen Italia e il Comun…

Cervello: funzionalita' comprome…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gel per ecografie: FDA (Food and Drug Administration) lancia allarme contaminazione batterica

La Fda (Food and Drug Administration), l’ente governativo americano per il controllo della sicurezza alimentare e farmaceutica, ha lanciato un’allerta a proposito di un gel per ultrasuoni prodotto dalla societa’ Pharmaceutical Innovations Inc., di Newark, nel New Jersey, che avrebbe gia’ infettato 16 pazienti cardiopatici e metterebbe a serio rischio la gravidanza nelle donne.

Il gel e’ comunemente usato dal personale medico e paramedico per tutte le applicazioni legate agli ultrasuoni, sia diagostiche come l’ecografia, sia terapeutiche. La Fda ha ordinato ai professionisti sanitari di interrompere l’uso del prodotto perche’ questo potrebbe esporre i pazienti alla contaminazione con due ceppi batterici: lo ‘Pseudomonas aeruginosa’ e la ‘Klesibella oxytoca’. Si tratterebbe di batteri che sono entrati nel gel a causa di un errore durante il processo di fabbricazione del prodotto.

Questi microrganismi patogeni possono colonizzare la pelle e causare molti sintomi, fra cui eruzioni cutanee e altri danni a carico della pelle, ma possono anche entrare nel corpo attraverso le vie aeree oppure il tratto genitale, nel caso delle donne mettendo a serio rischio la gravidanza. In caso si sospetti di essere entrati in contatto con gel contaminato, la Fda consiglia di fare una doccia con acqua e sapone o di passare successivamente dell’alcol sulla zona interessata dal gel. La Fda specifica che non sempre l’esposizione a questi due tipi di batteri produce una colonizzazione del microrganismo, ma il rischio rimane elevato. Sotto accusa ci sarebbero i recipienti da 250 millilitri e i dispenser da 5 litri prodotti da giugno a dicembre 2011 contrassegnati dai codici: 060111, 090111 e 120111. –

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi