Questione Bayer: i sensazionali…

Già un anno fa l’Ema e l’…

Radicali liberi: i nemici del si…

I radicali liberi attacca…

SItI e Sanofi Pasteur MSD: partn…

Due giorni di formazion…

Gravidanza breve se preceduta da…

La durata di una gravida…

Asma: quanto incide il rapido sv…

I neonati che crescono pi…

Elisir di lunga vita? Alimentazi…

Nessun ingrediente miraco…

Rigenerazione tessuti cardiaci d…

Saranno consegnati a Ot…

Oppio altera centri cerebrali di…

L'uso dell'oppio altera l…

Sindrome di Sjogren: idrossiclor…

I pazienti affetti dalla …

Diabete e obesità: trovati gli e…

Inibire l'azione di alcun…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gel per ecografie: FDA (Food and Drug Administration) lancia allarme contaminazione batterica

La Fda (Food and Drug Administration), l’ente governativo americano per il controllo della sicurezza alimentare e farmaceutica, ha lanciato un’allerta a proposito di un gel per ultrasuoni prodotto dalla societa’ Pharmaceutical Innovations Inc., di Newark, nel New Jersey, che avrebbe gia’ infettato 16 pazienti cardiopatici e metterebbe a serio rischio la gravidanza nelle donne.

Il gel e’ comunemente usato dal personale medico e paramedico per tutte le applicazioni legate agli ultrasuoni, sia diagostiche come l’ecografia, sia terapeutiche. La Fda ha ordinato ai professionisti sanitari di interrompere l’uso del prodotto perche’ questo potrebbe esporre i pazienti alla contaminazione con due ceppi batterici: lo ‘Pseudomonas aeruginosa’ e la ‘Klesibella oxytoca’. Si tratterebbe di batteri che sono entrati nel gel a causa di un errore durante il processo di fabbricazione del prodotto.

Questi microrganismi patogeni possono colonizzare la pelle e causare molti sintomi, fra cui eruzioni cutanee e altri danni a carico della pelle, ma possono anche entrare nel corpo attraverso le vie aeree oppure il tratto genitale, nel caso delle donne mettendo a serio rischio la gravidanza. In caso si sospetti di essere entrati in contatto con gel contaminato, la Fda consiglia di fare una doccia con acqua e sapone o di passare successivamente dell’alcol sulla zona interessata dal gel. La Fda specifica che non sempre l’esposizione a questi due tipi di batteri produce una colonizzazione del microrganismo, ma il rischio rimane elevato. Sotto accusa ci sarebbero i recipienti da 250 millilitri e i dispenser da 5 litri prodotti da giugno a dicembre 2011 contrassegnati dai codici: 060111, 090111 e 120111. –

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!