IRCCS S. Raffaele: Cellule stami…

Un'equipe di ricercatori …

Reni: i tumori scoperti durante …

Sempre più persone scopro…

Distrofia muscolare di Duchenne:…

Si è concluso ieri il pri…

Un nuovo gene legato al tumore a…

Il quadro della genetica …

Come il cervello è in grado di d…

Perché mangiamo troppo …

Linee Guida ESPID per la polmoni…

Società Europea di Infe…

Perdita di memoria: nuova tecnic…

Preoccupati che una dimen…

Il ruolo dell'amigdala come 'cen…

I ricercatori dell’Univ…

Ricordi che riaffiorano, a spese…

Il semplice atto di richi…

RNA soccorre le cellule in crisi…

(Adnkronos Salute) - Di …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Maculopatia senile: scoperto il meccanismo dei casi più gravi

Ricercatori dell’Universita’ Cattolica del Sacro Cuore di Roma hanno scoperto un processo chiave della maculopatia degenerativa senile (AMD), principale causa di ipovisione e cecita’ nel mondo.

Gli esperti hanno compreso come le varianti genetiche (mutazioni) del gene CFH, inibitore della “cascata infiammatoria”, possano influenzare negativamente le proprieta’ elettriche dei “coni”, una delle due famiglie di cellule che costituiscono la retina. La molecola CFH e’ un elemento importantissimo nella protezione della retina.

I ricercatori, coordinati dal Professor Ettore Capoluongo, responsabile dell’Unita’ Operativa semplice di Diagnostica molecolare clinica del Policlinico universitario A. Gemelli, e dal Professor Benedetto Falsini, associato di Clinica Oculistica nell’Istituto di Oftalmologia dell’Universita’ Cattolica di Roma, hanno scoperto che, quando un soggetto con maculopatia e’ portatore di una o due copie difettose del gene CFH le alterazioni elettrofisiologiche della retina sono progressivamente e significativamente piu’ gravi. Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista Neurobiology of Aging. Prima di questo studio targato Universita’ Cattolica non era chiaro il ruolo di CFH nella genesi della disfunzione retinica propria della malattia. Gli esperti si sono concentrati sulle forme cosiddette “precoci” della AMD, cioe’ quelle che potenzialmente evolvono verso forme piu’ gravi e invalidanti, analizzando circa 50 pazienti e scoprendo che nei soggetti portatori dei diversi genotipi CFH la retina funziona piu’ o meno bene, come e’ evidenziato (AGI) .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi