Il consumo di prugne secche nell…

I risultati di uno studio…

Tumori: proteine marker del papi…

A seconda del ceppo o del…

Cervello: nessuna differenza tra…

Dimenticate la teoria sec…

Melanoma: colpire l'angiogenesi …

Novita' importanti per co…

Stress ossidativo: Telethon svel…

Dalla ricerca Telethon su…

Nei prossimi cinque anni più del…

Secondo gli esperti, nei …

Studio conferma la possibilita' …

Alcuni ricercatori tedesc…

Cancro alla prostata: un test ge…

Un nuovo test genetico …

Demenza: diversi tipi, diverse t…

Riuscire a differenziare …

Un gene che modifica le cellule …

Ricercatori americani han…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nuova tecnica di risonanza magnetica può predire progresso demenze

Sviluppata una nuova tecnica per l’analisi di immagini del cervello che offre la possibilita’ di utilizzare la risonanza magnetica (MRI) per predire il tasso di progressione di molte malattie degenerative.

La tecnica e’ stata messa a punto da un team interdipartimentale del San Francisco Medical Center e della University of California – San Francisco (UCSF). Gli scienziati hanno utilizzato nuove metodologie di modellazione al computer per prevedere realisticamente, partendo da immagini di 14 cervelli sani, la progressione fisica del morbo di Alzheimer e della demenza frontotemporale (FTD).

I modelli erano basati sulla trattografia dell’intero cervello, una tecnica di risonanza magnetica che associa i percorsi neurali, ovvero le ‘linee di comunicazione’, che collegano diverse aree cerebreali. La diffusione della malattia prevista dai modelli lungo quelle vie si e’ mostrata coincidente con le reali immagini MRI relative alla degenerazione cerebrale in 18 pazienti affetti da Alzheimer e 18 pazienti affetti da FTD. “I risultati devono essere replicati – ha affermato Michael Weiner, direttore del Centro per l’imaging SFVAMC nonche’ primo autore della ricerca – ma suggeriscono chiaramente che, utilizzando questo approccio, possiamo prevedere l’ubicazione e il corso della futura atrofia cerebrale sia nella malattia di Alzheimer che nella FTD, cosi’ come in altre malattie degenerative del cervello”. “Si tratta – ha concluso – di uno strumento estremamente utile per la pianificazione del trattamento terapeutico”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!