Salmonella ipervirulenta: dagli …

Individuato un metodo per…

Tac Spirale: indispensabile per …

Uno studio statunitense a…

X Fragile, studio chiarisce i me…

Nella sindrome, l'assenza…

Vitamine B6 e B12, dimostrata la…

[caption id="attachment_8…

Resveratrolo contro diabete e di…

Il resveratrolo, una dell…

Un software contro la droga

L’'Università di Milano-B…

Nelle malattie muscolari cronich…

Quando un danno al tess…

Tumore cerebrale: la radioterapi…

Un nuovo sistema consente…

Artrite reumatoide: per le donne…

Artrite reumatoide, per l…

Sequenziato genoma peronospora: …

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore: endometrio, quali sono i sintomi da non sottovalutare

Il tumore all’endometrio, da solo, fa registrare ogni anno in Italia 7.700 nuove diagnosi. Numeri alti, spiegano gli oncologi nel corso della Conferenza Nazionale dell’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) conclusasi a Mestre ieri.

Molto importante, spiegano i ricercatori, è non sottovalutarne i sintomi: “Nella stragrande maggioranza dei casi riconoscere precocemente la presenza del carcinoma dell’endometrio è possibile e semplice: dà luogo a perdite ematiche che, soprattutto in menopausa, devono sempre mettere in allarme”. A spiegare i sintomi a cui si deve prestare attenzione per individuare il tumore allo stadio più iniziale possibile è Stefano Cascinu, presidente Aiom: “In questi casi è bene fare una visita dal ginecologo che può procedere con ulteriori analisi per capire di cosa si tratta”.

I dottori spiegano che a essere a rischio sono in particolare le donne in menopausa, ma che anche le donne più giovani possono essere colpite da questo tumore (15-20%). E che in particolare colpisce le donne in sovrappeso e obese. Ecco i sintomi che dovrebbero far suonare il campanello di allarme: il tumore dell’endometrio si manifesta con sanguinamento vaginale anomalo (in particolare durante la menopausa); abbondanti perdite vaginali (spesso maleodoranti), dolori nella zona pelvica o alla schiena; perdita di peso.

“È importante cercare di controllare il proprio peso e prestare particolare attenzione agli altri fattori di rischio noti per questa malattia – spiega Cascinu, responsabile dell’Oncologia medica all’Azienda ospedaliera universitaria di Ancona -, come menarca precoce e menopausa tardiva, infertilità, diabete mellito, altri casi di tumori dell’endometrio o del colon nelle donne della famiglia, terapia con tamoxifene (farmaco antitumorale utilizzato nella terapia del carcinoma mammario)”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!