Dolore Cronico per oltre 745.000…

Il 15 ottobre, arriva in …

HIV: Terapia preventiva con anti…

Un team di ricercatori …

Salute a rischio con l'esposizio…

[caption id="attachment_1…

Morbo di Parkinson: trovato nuov…

Nuove prove di un legame …

Malaria: farmaci chemioterapici …

Una squadra di ricercator…

Il Gruppo Chiesi Farmaceutici S.…

Chiesi Farmaceutici,…

Cellule staminali: siglato accor…

(AGI)Le competenze del Bi…

Diabete: quali sono i legami con…

Ci sarebbe un legame tra …

Nanomotori in cellule umane guid…

Per la prima volta gli sc…

Tumori: rischio decesso per i pa…

I pazienti malati di canc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Commozioni e traumi: più lente le riprese in donne e nei giovani

Le donne e i giovani ci mettono piu’ tempo a recuperare da commozioni e altri traumi sportivi rispetto agli uomini.

Da una ricerca pubblicata sull’American Journal of Sports Medicine emerge che queste categorie ottengono peggiori risultati nei test di memoria visiva e presentano piu’ sintomi di post-commozione in seguito a un trauma di tipo sportivo, a volte anche fino alle 2 settimane successive l’incidente.

“Dal 2001 al 2005, solo negli Stati Uniti si sono verificate piu’ di 150mila concussioni in ambito sportivo, ma sono sicuramente di piu’ in quanto le statistiche considerano soltanto i ricoveri in ospedale e non quelle trattate in ambiente domestico”, ha spiegato Tracey Covassin, ricercatrice della Michigan State University a capo dello studio. “Questo studio conferma quello che gia’ si sospettava, e cioe’ che l’eta’ e il sesso hanno un ruolo fondamentale nel determinare i tempi di recupero, e che le conseguenze di un trauma sportivo sono spesso sottovalutate. E’ importante diffondere consapevolezza che i giovani e le donne sono piu’ suscettibili a questo tipo di traumi”, ha affermato Covassin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi