Dal CNR il ClopHensor, il biosen…

[caption id="attachment_8…

Codeina: evitarla nella cura del…

Il comitato per la Farmac…

Glioblastoma: nuove speranze arr…

Nuove speranze arrivano d…

Sedentarietà: gli esperti FMSI c…

Fare riconoscere al minis…

Obesità infantile: un gene manca…

Un 'buco' nel Dna puo' sc…

Ri-legittimato il "punto G" femm…

Una ricerca che dura da 5…

Molecola per annientare masse tu…

Due studiosi di Urbino ha…

Nuove terapie per la cura dei tu…

Roma, 3 nov - ''Nuovi far…

Un nuovo stent a rilascio di far…

Al 7° Summit internaziona…

Tumori: migliora la sopravvivenz…

I 5 big killer, i tumori …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Eiaculazione precoce: in Italia Menarini mette sul mercato il primo farmaco

Menarini ha acquisito i diritti di commercializzazione di Priligy (principio attivo dapoxetina) in Europa, molti paesi dell’Asia, Africa, Medio Oriente e in America Latina. Si tratta del primo ed unico farmaco orale indicato per il trattamento dell’eiaculazione precoce.

”L’eiaculazione precoce e’ la disfunzione sessuale piu’ comune nella popolazione maschile, puo’ manifestarsi a qualunque eta’ dopo la puberta’ ed e’ una condizione medica che puo’ dare origine ad un forte disagio nell’uomo e ripercussioni negative sulla vita di coppia – ha commentato Lorenzo Melani, direttore dello sviluppo della ricerca clinica del gruppo Menarini -. Le statistiche indicano che questo disturbo ha un’incidenza nella popolazione maschile adulta tra il 20 e il 30% del totale, malgrado solo una bassa percentuale di uomini scelga di rivolgersi al proprio medico di fiducia per affrontare il problema e valutare possibili opzioni terapeutiche”.

Il farmaco agisce infatti rapidamente, a seguito di un veloce assorbimento da parte dell’organismo, e viene eliminato nell’arco delle 24 ore.

Attualmente Priligy e’ approvato nel trattamento dell’eiaculazione precoce in 43 paesi, incluso sette mercati europei (Germania, Spagna, Italia, Portogallo, Finlandia, Svezia e Austria), in Asia e America Latina. Inoltre, lo scorso gennaio la Commissione Europea tramite il CHMP (Committee for Medicinal Products for Human Use) ha confermato il suo parere positivo sul prodotto raccomandandone l’approvazione anche nei rimanenti paesi dell’Unione Europea.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi