Polmonite: quale proteina sfrutt…

La Pseudomonas Aerugino…

Gonorrea: allarme per una forma …

Allarme 'super-gonorrea' …

Alzheimer: la massa cerebrale re…

Ogni anno chi sta per svi…

Epstein-Barr e Sclerosi multipla…

Uno studio della Fondaz…

Tumore al polmone: terapie molec…

Fino a qualche anno fa un…

Ratto robot con i baffi dà nuovo…

[caption id="attachment_1…

Fecondazione assistita: con agop…

Agopuntura e medicina cin…

Il Mese Europeo del cervello: pr…

Per celebrare il Mese e…

15 anni di Legge Sirchia contro …

Presentati i dati della C…

Informatica organica: italiani f…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Eiaculazione precoce: in Italia Menarini mette sul mercato il primo farmaco

Menarini ha acquisito i diritti di commercializzazione di Priligy (principio attivo dapoxetina) in Europa, molti paesi dell’Asia, Africa, Medio Oriente e in America Latina. Si tratta del primo ed unico farmaco orale indicato per il trattamento dell’eiaculazione precoce.

”L’eiaculazione precoce e’ la disfunzione sessuale piu’ comune nella popolazione maschile, puo’ manifestarsi a qualunque eta’ dopo la puberta’ ed e’ una condizione medica che puo’ dare origine ad un forte disagio nell’uomo e ripercussioni negative sulla vita di coppia – ha commentato Lorenzo Melani, direttore dello sviluppo della ricerca clinica del gruppo Menarini -. Le statistiche indicano che questo disturbo ha un’incidenza nella popolazione maschile adulta tra il 20 e il 30% del totale, malgrado solo una bassa percentuale di uomini scelga di rivolgersi al proprio medico di fiducia per affrontare il problema e valutare possibili opzioni terapeutiche”.

Il farmaco agisce infatti rapidamente, a seguito di un veloce assorbimento da parte dell’organismo, e viene eliminato nell’arco delle 24 ore.

Attualmente Priligy e’ approvato nel trattamento dell’eiaculazione precoce in 43 paesi, incluso sette mercati europei (Germania, Spagna, Italia, Portogallo, Finlandia, Svezia e Austria), in Asia e America Latina. Inoltre, lo scorso gennaio la Commissione Europea tramite il CHMP (Committee for Medicinal Products for Human Use) ha confermato il suo parere positivo sul prodotto raccomandandone l’approvazione anche nei rimanenti paesi dell’Unione Europea.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!