Latte di coniglio 'biotech' per …

[caption id="attachment_5…

Al giro di boa i lavori della co…

Ad Ischia si discute di m…

Epatite C: ci sono le cure, ma h…

La Francia guida il front…

Meccanismo programmato di apopto…

[caption id="attachment_7…

Emergenza Ebola in Guinea (59 mo…

"E' ebola". La conferma a…

I suoni si fissano al cervello e…

[caption id="attachment_7…

Iperparatiroidismo: condizione c…

Una dieta povera di calci…

Dolore cronico: in provincia ne …

Dal 2011 al 2012 ha incre…

Onco-giano, gene mutante bifront…

L’hanno battezzato “onco-…

Il futuro antivirale e' nei veic…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Eiaculazione precoce: in Italia Menarini mette sul mercato il primo farmaco

Menarini ha acquisito i diritti di commercializzazione di Priligy (principio attivo dapoxetina) in Europa, molti paesi dell’Asia, Africa, Medio Oriente e in America Latina. Si tratta del primo ed unico farmaco orale indicato per il trattamento dell’eiaculazione precoce.

”L’eiaculazione precoce e’ la disfunzione sessuale piu’ comune nella popolazione maschile, puo’ manifestarsi a qualunque eta’ dopo la puberta’ ed e’ una condizione medica che puo’ dare origine ad un forte disagio nell’uomo e ripercussioni negative sulla vita di coppia – ha commentato Lorenzo Melani, direttore dello sviluppo della ricerca clinica del gruppo Menarini -. Le statistiche indicano che questo disturbo ha un’incidenza nella popolazione maschile adulta tra il 20 e il 30% del totale, malgrado solo una bassa percentuale di uomini scelga di rivolgersi al proprio medico di fiducia per affrontare il problema e valutare possibili opzioni terapeutiche”.

Il farmaco agisce infatti rapidamente, a seguito di un veloce assorbimento da parte dell’organismo, e viene eliminato nell’arco delle 24 ore.

Attualmente Priligy e’ approvato nel trattamento dell’eiaculazione precoce in 43 paesi, incluso sette mercati europei (Germania, Spagna, Italia, Portogallo, Finlandia, Svezia e Austria), in Asia e America Latina. Inoltre, lo scorso gennaio la Commissione Europea tramite il CHMP (Committee for Medicinal Products for Human Use) ha confermato il suo parere positivo sul prodotto raccomandandone l’approvazione anche nei rimanenti paesi dell’Unione Europea.

Archivi