A.I.D.A: cresce la domanda per d…

Il professionista del ben…

Riserva ovarica e gene guardiano…

La sovraespressione del…

Dengue: la malattia tropicale pi…

La febbre Dengue e' la ma…

Diabete: scoperti altri 10 nuovi…

Dieci nuove aree del Dna …

Il caffè assunto anche molte ore…

Secondo un nuovo studio i…

Giornata Nazionale SLA: La Socie…

Roma, 15 settembre 2016 -…

Come la mente crea mappature mul…

Un team di ricercatori no…

Tumore al seno: quando il ruolo …

Un nuovo studio condotto…

Tumori: Tra le prime cause raggi…

Le polveri di legno e i r…

In memoria di Steve Jobs: Creder…

"Nessuno vuole morire. An…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellulari e tumore ai testicoli: nessun rischio, nessuna…connessione

Uno studio assolve i telefoni cellulari, almeno per il rischio di tumore al testicolo (e comunque avvertendo che e’ necessario continuare il monitoraggio). Secondo gli esperti della Cooper University, in New Jersey, il fatto che molti uomini siano soliti portare il telefonino acceso in tasca non aumenta i rischi di avere un cancro al testicolo.


Gli autori dello studio, presentato al congresso mondiale di oncologia Asco a Chicago, hanno analizzato i dati di incidenza del tumore al testicolo negli Stati Uniti in 17 anni, dal 1991 al 2008, attraverso il National Cancer Institute. I dati sono stati messi a confronto con i dati degli abbonamenti telefonici, ovviamente solo quelli sottoscritti da uomini. Ne sono venute fuori due tabelle: da una parte l’incremento esponenziale dei possessori di telefonino negli States, che nel 2008 ammontavano all’88,87 per cento della popolazione. Dall’altro l’incidenza del cancro ai testicoli, che si e’ mantenuta abbastanza costante, seppure con contenuti aumenti nella fascia di eta’ 25-34 anni. Incrementi, notano gli scienziati, comunque enormemente minori rispetto al boom della diffusione dei cellulari nell’ultimo ventennio.
Conclusione: “Sulla base dei dati di incidenza, non vi sono prove convincenti di un aumento del rischio di cancro ai testicoli correlato a un uso del telefono cellulare”. Tuttavia, avvertono gli autori dello studio, “dato il possibile lungo intervallo di tempo” tra esposizione al rischio e insorgenza del tumore, “e’ necessario continuare il monitoraggio”.

1
Lascia una recensione

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Garda Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Garda
Ospite
Garda

Bisognerebbe vedere fino a che punto siano indipendenti gli scienziati coinvolti in questi studi. In tanto in Francia come in Belgio e in Israele non e’ piu’ permesso l’uso dei cordless nelle scuole. Nel frattempo sta crescendo il numero di ragazze giovani col tumore al seno negli Stati Uniti. E’ superfluo dire che l’industria delle telecomunicazioni ha tutta la convenienza a far credere che le radiazioni emesse da questi apparecchi non costituiscono alcun pericolo. Staremo a vedere! Mezzo seccolo fa si diceva che anche l’amianto non era pericoloso.

Archivi