TRAUMA SPINALE, SCOPERTA ITALIA…

Milano, 15 Giugno 2009 …

Virus Ebola: descritte oltre 300…

L'analisi approfondita di…

"Dolcificanti sicuri", la parola…

“I dolcificanti non calor…

Perovskite: il cristallo per nuo…

L’Istituto Italiano di Te…

Alzheimer: parlare più lingue ne…

Studio condotto in Belgio…

Dall'IAS una ricerca sulla sordi…

[caption id="attachme…

Arriva Anche In Sicilia Alla Cl…

L’Urologia della Clinica …

Micosi unghie: sette milioni gli…

Sette milioni e mezz…

Pediatria: destrosio utile contr…

Una soluzione economica e…

L'equilibrio delicato della flor…

Un enzima utilizzato dall…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Chemioterapia: psicofaramaco ha rivelato l’efficacia nel ridurre effetti collaterali

Uno psicofarmaco si e’ rivelato efficace nel ridurre gli effetti collaterali della chemioterapia nei malati di tumore, effetti a volte molto debilitanti come nausea e vomito.

E’ quanto emerso in uno studio di fase III dell’Indiana University School of Medicine, che sara’ presentato all’Asco, il congresso mondiale di oncologia da oggi al 5 giugno a Chicago. Gli scienziati hanno scoperto che Olanzapina, un antipsicotico, e’ efficace nel controllare nausea e vomito indotti dalla chemio, problema che affligge il 60% dei pazienti sottoposti a terapia e che porta spesso a una forzata riduzione delle dosi di farmaci chemioterapici per non far crollare il fisico del malato. Oltre un terzo dei malati non ha nessun beneficio dal cocktail di farmaci preventivi somministrati proprio per ridurre al minimo gli effetti collaterali.

E’ su di loro che Olanzapina ha dimostrato la sua efficacia nell’alleviare gli effetti della chemio. Nello studio, a 205 pazienti che non avevano ancora ricevuto chemioterapia e’ stato somministrato il mix standard di farmaci per prevenire la CINV, ossia il mix di effetti collaterali della chemio. Ottanta di loro hanno avuto comunque seri problemi di nausea e vomito. A un gruppo e’ stata somministrata olanzapina orale, a un altro un diverso farmaco. Dopo 72 ore di osservazione, il 67 per cento di chi aveva ricevuto olanzapina non aveva avuto sintomi, contro il 24 per cento di chi aveva preso l’altro farmaco.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi