Malattie genetiche: il Danio rer…

Già ampiamente utilizzati…

Bambini all'aria aperta anche d'…

Le precauzioni per evitar…

Test del sangue per individuare …

Un nuovo test è in grado …

Sindrome del follower per un mil…

Oltre un milione gli unde…

Ricostruito interno orecchio con…

Ideata una nuova tecnic…

I rischi di trasmissione cancro …

[caption id="attachme…

Svelato il mistero dell'adenina …

[caption id="attachment_1…

Al batter di ciglia il cervello …

Al pari di un computer, i…

Glioblastoma: una molecola offre…

[caption id="attachment_7…

Il colore dei capelli 'estratto'…

E' possibile grazie all'i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aiuti “di ferro” riducono l’affaticamento nelle donne non anemiche

I supplementi al ferro sono in grado di ridurre l’affaticamento nelle donne non anemiche ma con bassi livelli di ferro nel sangue. Lo rivelano i risultati di un trial clinico pubblicati sul Canadian Medical Association Journal. La riduzione dell’affaticamento media e’ stata del 50 per cento nell’arco di 12 settimane dall’inizio del trial.


“Abbiamo coinvolto 198 donne sotto mestruazioni tra i 18 e 50 con dei livelli di ferritina al di sotto di 50 microgrammi per litro. Queste donne soffrono spesso di affaticamento dovuto al livello di ferro cosi’ basso. Meta’ di loro ha assunto per via orale dei supplementi di 80 mg di solfato di ferro a lungo rilascio, mentre l’altra meta’ ha assunto un placebo” ha spiegato Bernard Favrat dell’ Universita’ di Losanna, Svizzera. “Le donne che hanno assunto i supplementi hanno avuto una riduzione della fatica del 50 per cento, rispetto al 19 per cento di chi aveva assunto un placebo”.AGI – Salute

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!