Imaging cerebrale per predire il…

L'imaging cerebrale potre…

Distruggere i tumori senza anest…

[caption id="attachment_1…

[Telethon]Cocktail di farmaci ef…

[caption id="attachment_7…

Cardiopatie: studi su come riatt…

[caption id="attachment_5…

Nefropatia diabetica: un gene in…

Silenziando o inibendo l’…

Le cellule "assassine" che posso…

Grazie a una nuova ricerc…

Staminali pluripotenti: non poss…

[caption id="attachment_7…

Mappato il genoma di un feto dal…

[caption id="attachment_1…

[IIT] HyQ scavalca gli ostacoli …

HyQ, il robot quadruped…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aiuti “di ferro” riducono l’affaticamento nelle donne non anemiche

I supplementi al ferro sono in grado di ridurre l’affaticamento nelle donne non anemiche ma con bassi livelli di ferro nel sangue. Lo rivelano i risultati di un trial clinico pubblicati sul Canadian Medical Association Journal. La riduzione dell’affaticamento media e’ stata del 50 per cento nell’arco di 12 settimane dall’inizio del trial.


“Abbiamo coinvolto 198 donne sotto mestruazioni tra i 18 e 50 con dei livelli di ferritina al di sotto di 50 microgrammi per litro. Queste donne soffrono spesso di affaticamento dovuto al livello di ferro cosi’ basso. Meta’ di loro ha assunto per via orale dei supplementi di 80 mg di solfato di ferro a lungo rilascio, mentre l’altra meta’ ha assunto un placebo” ha spiegato Bernard Favrat dell’ Universita’ di Losanna, Svizzera. “Le donne che hanno assunto i supplementi hanno avuto una riduzione della fatica del 50 per cento, rispetto al 19 per cento di chi aveva assunto un placebo”.AGI – Salute

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi