Leucemia: un nuovo metodo per te…

Messo a punto nuovo metod…

Reni a forma di mela funzionano …

E' noto che le person…

Premio Nobel per la Chimica 2016…

Il riconoscimento ai tre …

'Attenti alle bufale', il nuovo …

[ADUC]'Attenti alle bufal…

I Mondiali di calcio in Brasile:…

Oggi pomeriggio tutti dav…

Cartilagini riparate con l'uso d…

E' possibile rigenerare l…

Disabilità intellettiva: CNR e T…

Chiarito per la prima vol…

Urologi in allarme per l'uso del…

[caption id="attachme…

H1N1: la ricerca verso nuove dir…

Secondo due nuovi stu…

Cellule staminali contro danni c…

Agiscono come un mini 'ki…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aiuti “di ferro” riducono l’affaticamento nelle donne non anemiche

I supplementi al ferro sono in grado di ridurre l’affaticamento nelle donne non anemiche ma con bassi livelli di ferro nel sangue. Lo rivelano i risultati di un trial clinico pubblicati sul Canadian Medical Association Journal. La riduzione dell’affaticamento media e’ stata del 50 per cento nell’arco di 12 settimane dall’inizio del trial.


“Abbiamo coinvolto 198 donne sotto mestruazioni tra i 18 e 50 con dei livelli di ferritina al di sotto di 50 microgrammi per litro. Queste donne soffrono spesso di affaticamento dovuto al livello di ferro cosi’ basso. Meta’ di loro ha assunto per via orale dei supplementi di 80 mg di solfato di ferro a lungo rilascio, mentre l’altra meta’ ha assunto un placebo” ha spiegato Bernard Favrat dell’ Universita’ di Losanna, Svizzera. “Le donne che hanno assunto i supplementi hanno avuto una riduzione della fatica del 50 per cento, rispetto al 19 per cento di chi aveva assunto un placebo”.AGI – Salute

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi