All’Istituto San Carlo il nuovo …

Al via da gennaio il cors…

Nuova tecnica di risonanza magne…

Sviluppata una nuova tecn…

Alzheimer e cancro: non si svilu…

[caption id="attachment_5…

15 anni di Legge Sirchia contro …

Presentati i dati della C…

Europa No-Smoking: il 60 percent…

Europa 'no smoking'. Il …

La scoperta che valse un Nobel a…

L'Ngf (Nerve Growth Facto…

I processi cerebrali che rendono…

Le decisioni che coinvolg…

Microbiota umano: studio agevola…

Creare nuovi modelli mate…

Esami di imaging fanno lievitare…

Gli esami di imaging sono…

Acne: un principio attivo estrat…

Le alghe possono essere u…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aspirina riduce possibilità di formazione cancro all’esofago

L’aspirina potrebbe ridurre i rischi legati all’esofago di Barrett, il fattore di rischio piu’ conosciuto associato al cancro all’esofago. L’esofago di Barrett e’ un disturbo in cui le pareti dell’esofago (il canale muscolare che collega la bocca allo stomaco), anziche’ essere costituite da epitelio normale sono fatte di tessuti simili a quelli delle pareti dell’intestino.


La ricerca del Massachusetts General Hospital Institute for Technology Assessment e’ stata pubblicata sulla rivista ”Clinical Gastroenterology and Hepatology”. Gli scienziati hanno analizzato le caratteristiche di 434 pazienti affetti da esofago di Barrett: quelli che prendevano aspirina avevano il 44 per cento in meno di probabilita’ di ammalarsi di cancro all’esofago. Inoltre, gli studiosi hanno scoperto che gli uomini hanno una probabilita’ tre volte superiore alle donne di soffrire di esofago di Barrett.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi