Prolasso genitale: nuove tecnich…

Dall’ Urologia Ginecologi…

Parkinson: nella testa dell'ucce…

Il cervello dell'uccello …

La trascrizione dell'RNA: meccan…

E' un meccanismo noto da…

ICTUS: studi americani rivelano …

[caption id="attachment_7…

Reflusso gastroesofageo: dei mag…

Le persone che soffrono d…

ALZHEIMER, UN NUOVO TEST LO INDI…

[caption id="attachment_1…

Congresso SIN: LA SIN prende pos…

Catania, 27 ottobre 2…

Il gene che controlla la durata …

Mutazioni nel gene per il…

Dalla Ginecologia dell’Ospedale …

Unità Operativa Complessa…

Assogenerici: Poche e semplici n…

I produttori di equivalen…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aspirina riduce possibilità di formazione cancro all’esofago

L’aspirina potrebbe ridurre i rischi legati all’esofago di Barrett, il fattore di rischio piu’ conosciuto associato al cancro all’esofago. L’esofago di Barrett e’ un disturbo in cui le pareti dell’esofago (il canale muscolare che collega la bocca allo stomaco), anziche’ essere costituite da epitelio normale sono fatte di tessuti simili a quelli delle pareti dell’intestino.


La ricerca del Massachusetts General Hospital Institute for Technology Assessment e’ stata pubblicata sulla rivista ”Clinical Gastroenterology and Hepatology”. Gli scienziati hanno analizzato le caratteristiche di 434 pazienti affetti da esofago di Barrett: quelli che prendevano aspirina avevano il 44 per cento in meno di probabilita’ di ammalarsi di cancro all’esofago. Inoltre, gli studiosi hanno scoperto che gli uomini hanno una probabilita’ tre volte superiore alle donne di soffrire di esofago di Barrett.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi