Parkinson: studi su topo con il …

[caption id="attachment_7…

Immuni al virus dell'AIDS: si sc…

Praticamente immuni al vi…

Aspirina: messa a punto quella c…

Una nuova forma di aspiri…

Epilessia: prodotto efficiente a…

L'ezogabina, un farmaco u…

All’Istituto San Carlo open day…

Busto Arsizio (VA), maggi…

Contro la salmonella arriva il p…

Si chiama Bdellovibrio ed…

Teva: completato l'arruolamento …

Gerusalemme, 22 giugno 20…

Medicina: al via la campagna naz…

Lotta al dolore: al via u…

Epilessia, scoperta cura genica…

[caption id="attachme…

AIDS: farmaci antiretrovirali pr…

Una singola dose di farma…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Caffeina e potenziamento muscolare: più forza anche nella terza età

La caffeina aiuta i muscoli ad essere più forti. E’ questo quanto è emerso durante il convegno della Society for Experimental Biology svoltosi nei giorni scorsi a Salisburgo (Austria), durante il quale sono stati presentanti i risultati di uno studio condotto all’Università di Coventry (Regno Unito). La scoperta, che si aggiunge all’effetto della caffeina sulla resistenza muscolare, potrebbe offrire una nuova strategia, basata sull’assunzione di questa sostanza stimolante, per aiutare i muscoli a mantenersi forti anche nella terza età, riducendo, così, il rischio di cadute e di infortuni che possono pregiudicare significativamente la qualità della vita delle persone più anziane.

I ricercatori britannici si sono concentrati proprio sui differenti effetti della caffeina nelle diverse fasi della vita. Per farlo hanno utilizzato come modello due diversi muscoli dei topi, quello del diaframma e l’estensore lungo delle dita, testando le loro prestazioni prima e dopo il trattamento con caffeina. E’ stato, così, scoperto che questa sostanza aumenta soprattutto la forza dei muscoli adulti, mentre il suo effetto sul tessuto muscolare più giovane e ancora in via di sviluppo è inferiore. Anche nella terza età l’effetto registrato è ridotto rispetto a quello ottenibile sui muscoli adulti, ma secondo Jason Tallis, autore principale dello studio, “la caffeina può esercitare ancora benefici che aumentano le performance”.

Sulla base di questi risultati Tallis ha concluso che “data l’importanza di mantenere uno stile di vita attivo per conservare la salute e le capacità funzionali, l’effetto di aumento delle performance della caffeina potrebbe essere benefico nella popolazione che sta invecchiando”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!