Papilloma virus: proteina-ponte …

È una proteina chiamata b…

Una patch di muscoli per riparar…

[caption id="attachment_2…

CCSVI: è patologia vascolare a s…

La CCSVI (Insufficienza V…

CANCRO AL SENO: NUOVA DIAGNOSI P…

[caption id="attachme…

Sangue denso in gravidanza: aspi…

Una donna su cinque colpi…

Dal 15 al 22 marzo si celebra la…

DAL 15 AL 22 MARZO SI C…

Dipendenza da marijuana, stop al…

Ha un meccanismo protetti…

Al via la seconda edizione del p…

Roma, 6 maggio 2013 – In …

Benda biotech per ferite, che ai…

- E' simile a un ''franco…

Nuovo metodo per mappare le prot…

Dopo la mappatura del gen…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Eccellenza “targata” al reparto di andrologia chirurgica del Cardarelli di Napoli che con tecniche USA d’avanguardia risolve l’impotenza dopo il cancro alla prostata

Una targa prestigiosa -che verrà conferita il 5 luglio 2012 – durante un workspop di alta formazione-   riconosce l’eccellenza dell’unità di Andrologia chirurgica del Cardarelli di Napoli diretta dal professor Maurizio Carrino che utilizza innovative protesi AMS made in USA, disponibili con il Sistema Sanitario Nazionale,  per salvare la sessualità e l’amore dopo tumore alla prostata.

 La chirurgia andrologica del Cardarelli  è tra i centri di eccellenza, d’avanguardia e di riferimento in Campania e in Italia per il trattamento dell’impotenza conseguente a interventi alla prostata e ad altre cause che affligge milioni di italiani

La prestigiosa targa di riconoscimento “L’arco di Apollo”  verrà conferita  il 5 luglio –  durante un workoshop di alta formazione chirurgica che riunisce un pool tra i più esperti  specialisti italiani – al professor Maurizio Carrino, urologo e andrologo,  e all’unità di andrologia chirurgica da lui diretta presso il Cardarelli di Napoli. Una giusta gratificazione per un centro che rende disponibili con il Sistema Sanitario Nazionale, (e quindi gratis per il paziente)  a livelli di eccellenza, tecniche di chirurgia pelvica protesica d’avanguardia basate sull ‘impianto di protesi AMS ideate negli States, e alla cui diffusione contribuisce attraverso l’insegnamento, come centro Master, ad altri  chirurghi della Penisola. La targa L’arco di Apollo è il riconoscimento per una doppia competenza: l’eccellenza del centro e la diffusione delle abilità chirurgiche. È una dimostrazione di come il professor Carrino e i suoi collaboratori abbiano raggiunto il traguardo di coniugare l’alta efficacia di sofisticati dispositivi tecnologici made in Usa con  la tradizione della manualità, da sempre caratteristica della scuola chirurgica italiana.

Oggi per farsi curare a livelli di eccellenza e con tecniche avanguardistiche , le stesse praticate negli Usa, non è più necessario spostarsi all’estero o anche solo nel nord Italia, ma è possibile restare nella propria regione,o città  grazie alla presenza di reparti di eccellenza di molti ospedali del Mezzogiorno. Tra questi l’unità di andrologia chirurgica dell’ospedale Cardarelli di Napoli diretta dal professor Maurizio Carrino merita una menzione particolare. È infatti all’avanguardia nel trattamento dell’impotenza, grazie all’impianto di protesi di nuova generazione AMS 700 che consentono all’uomo il ritorno a una normale sessualità dopo l’intervento alla prostata per tumore.

Secondo recenti il problema riguarda milioni di italiani che  vivono una crisi di coppia a seguito dell’asportazione radicale della prostata. La prostatectomia porta infatti con sé problemi di impotenza con ovvie ripercussioni sull’attività  e sull’intesa di coppia. Per tornare ad amare, se i farmaci stimolatori dell’erezione sono inefficaci, una valido aiuto arriva dall’impianto di protesi peniene tricomponenti di nuova generazione AMS 700 . “L’intervento chirurgico per eliminare il tumore alla prostata è risolutivo”, spiega il professor Maurizio Carrino , “ma nonostante le tecniche laparoscopiche e robotiche e la nerve sparing  , causa ancora impotenza in circa il 70% dei casi. Le protesi peniene idrauliche di ultima generazione consentono un’erezione simile a quella fisiologica con un meccanismo di funzionamento molto semplice basato sull’inserimento, all’interno dei corpi cavernosi, di due cilindri artificiali collegati ad una pompa di controllo, a livello dello scroto, e ad un serbatoio contenente del liquido. L’uomo può così ottenere un’ erezione quando vuole con la stessa sensibilità e capacità di orgasmo che aveva prima dell’intervento premendo un attivatore a pressione posto sotto la cute dello scroto tra i due testicoli. In questo modo il liquido contenuto nel serbatoio si trasferisce ai cilindri e il pene si indurisce. Premendo di nuovo il liquido passa dai cilindri al serbatoio facendo ritornare il pene in condizione di riposo”.Rispetto a quelle del passato, le protesi tricomponenti consentono una perfetta erezione con un ingrossamento e allungamento del pene  risolvendo così anche la riduzione delle dimensioni del pene (un ulteriore effetto collaterale della prostatectomia) che si accorcia di 1,5 cm  nei 15 giorni successivi all’  intervento e a più di 2 cm entro l’anno successivo.  Sebbene la protesi risolva definitivamente l’impotenza post prostatectomia  molti uomini non ne conoscono l’esistenza perché spesso non vengono informati dai medici. Stessa mancanza di informazione anche per i  400.000 italiani affetti da grave impotenza non legata a interventi alla prostata e che non risponde ai farmaci .Gli interventi di chirurgia protesica lo scorso anno sono stati 1.200: solo lo 0.4% degli italiani con gravi problemi erettili ha ricevuto un trattamento risolutivo, nonostante molti studi scientifici dimostrano  l’efficacia delle  protesi con un elevato grado di soddisfazione per il paziente e per la partner. Il reparto di urologia e chirurgia andrologia delI’Ospedale Cardarelli di Napoli vanta circa 500  visite andrologiche e 2500 interventi di chirurgia urologica l’anno di cui circa 300 di chirurgia andrologica tra questi . Grazie a un budget particolare messo a disposizione dai vertici aziendali vengono effettuati almeno 15 impianti protesici idraulici di ultima generazione senza alcuna costo economico per il paziente. Grazie a un budget particolare messo a disposizione dai vertici aziendali vengono effettuati almeno 15 impianti protesici idraulici senza alcuna costo economico per il paziente. Un dato molto importante se si considera che, in Italia, alcuni ospedali hanno problemi ad acquistare le protesi proprio per via dei loro budget e spesso il paziente è costretto a ricorrere presso strutture private a suo totale carico economico. Per questo motivo il Cardarelli è il principale ospedale che effettua chirurgia protesica ricostruttiva in Campania”.

 

Il progetto L’arco di Apollo fa parte di un’iniziativa di sensibilizzazione di Tegea, la società italiana rappresentante e distributrice unica in Italia delle tecniche messe a punto negli States da American Medical System e che viene riconosciuta solo agli ospedali di eccellenza, che costituiscono un centro di riferimento e che al tempo stesso si qualificano come Centro Master, per l’insegnamento delle tecniche stesse, con un unico obiettivo: l’efficacia ,la sicurezza, la soddisfazione e il benessere psicofisico dei pazienti.che al tempo stesso qualificano come Centro Master, per l’insegnamento delle tecniche stesse, con un unico obiettivo: l’efficacia , la sicurezza, la soddisfazione e il benessere psicofisico dei pazienti.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!