Labbra perfette con laser e lipo…

Un 'mix' tecnologico in g…

Percorsi di cura oltre la malatt…

Controlli clinici e perco…

Nuovo metodo per monitorare trap…

[caption id="attachment_7…

La nuova terapia combinata a com…

La nuova terapia combinat…

Nasce in Messico un bimbo col DN…

E' nato in Messico cinque…

Emozioni: lette per la prima vol…

Per la prima volta, g…

Pressione arteriosa: per la misu…

Un nuovo strumento po…

Boehringer Ingelheim Animal Heal…

• Boehringer Ingelheim An…

Ciccia ad ali di farfalla, ecco …

Una ridondanza assolutame…

Ansia e ictus: lo stretto rappor…

Maggiore e' il livello di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stoviglie di rame prevengono avvelenamento da cibo

Cucinare su una superficie rivestita di rame potrebbe prevenire l’avvelenamento da cibo, come rivela un nuovo studio dell’University of Arizona negli Usa e pubblicato sulla rivista Food Microbiology. Pentole di rame, infatti, impediscono la proliferazione della Salmonella, un batterio responsabile di numerosissimi casi di avvelenamento ogni anno e che puo’ provocare diarree e anche decesso dei casi piu’ gravi. “Attualmente, l’industria utilizza principalmente stoviglie di acciaio inox. Tuttavia, confrontato con il rame, l’inox non presenta le stesse caratteristiche antimicrobiche: i batteri su una superficie inox possono sopravvivere anche a lungo”, ha spiegato la ricercatrice a capo dello studio, Sadhana Ravishankar, che ha analizzato la reazione della salmonella a numerosi tipi di leghe di rame utilizzate per cuocere gli alimenti.


“Il rame e’ dannoso per i batteri poiche’ reagisce con l’ossigeno ossidandosi, passando da classico colore rossiccio a un verde acqua. E’ il residuo dell’ossidazione a essere tossico per molti batteri – ha continuato – tra cui proprio quello della salmonella. I nostri test hanno mostrato che mentre la concentrazione di batteri di salmonella su una pentola di acciaio inox passano da 10 milioni a 1 milione di cellule, sulle pentole di rame si riduce ancora di piu’, fino a appena 100 cellule”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!