Depressione: uomo e donna, due d…

[caption id="attachment_6…

Grande successo della terza ediz…

[caption id="attachment_2…

La complessa struttura di una ce…

La vita è più complessa d…

Vaccini: si avvicina il traguard…

[caption id="attachment_8…

Vauro per la giornata mondiale d…

..il piacere di connotare…

Fumo in gravidanza: aumento espo…

Le donne che fumano in g…

Cellule staminali tumorali: un m…

[caption id="attachment_5…

Tumore al seno: 500 mila le donn…

Nel nostro Paese vivono p…

Meningite: due nuovi vaccini in …

Due nuovi vaccini possono…

Ruolo cruciale della serotonina …

Il diabete sta diventando…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stoviglie di rame prevengono avvelenamento da cibo

Cucinare su una superficie rivestita di rame potrebbe prevenire l’avvelenamento da cibo, come rivela un nuovo studio dell’University of Arizona negli Usa e pubblicato sulla rivista Food Microbiology. Pentole di rame, infatti, impediscono la proliferazione della Salmonella, un batterio responsabile di numerosissimi casi di avvelenamento ogni anno e che puo’ provocare diarree e anche decesso dei casi piu’ gravi. “Attualmente, l’industria utilizza principalmente stoviglie di acciaio inox. Tuttavia, confrontato con il rame, l’inox non presenta le stesse caratteristiche antimicrobiche: i batteri su una superficie inox possono sopravvivere anche a lungo”, ha spiegato la ricercatrice a capo dello studio, Sadhana Ravishankar, che ha analizzato la reazione della salmonella a numerosi tipi di leghe di rame utilizzate per cuocere gli alimenti.


“Il rame e’ dannoso per i batteri poiche’ reagisce con l’ossigeno ossidandosi, passando da classico colore rossiccio a un verde acqua. E’ il residuo dell’ossidazione a essere tossico per molti batteri – ha continuato – tra cui proprio quello della salmonella. I nostri test hanno mostrato che mentre la concentrazione di batteri di salmonella su una pentola di acciaio inox passano da 10 milioni a 1 milione di cellule, sulle pentole di rame si riduce ancora di piu’, fino a appena 100 cellule”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!