AIDS: estratti dell'albero di Ne…

Estratti dell'albero del …

L'Alzheimer si propaga a livello…

[caption id="attachment_1…

Dolore: stop a FANS e COXIB nell…

Ridurre l’uso improprio d…

A Verona il primo test del Dna a…

Personal Genomics, spin-…

Tumori ai polmoni: nuove speranz…

Tumore al polmone, uno s…

Merck Serono sponsor ufficiale d…

  I progressi della ri…

Sclerosi multipla: concorre anch…

[caption id="attachment_7…

Farmaci di uso comune potrebbero…

Gli antidolorifici come l…

A PARUZZARO L’OPEN DAY “SALUTE D…

Il 22 ottobre screening g…

Riprodotte le cellule dei vasi s…

Un team di ricercatori de…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Virus del Nilo: aree a rischio presenti anche in Italia

La West Nile, o virus del Nilo occidentale, non risparmia nemmeno il nostro Paese. In Italia, infatti, esistono specifiche aree a rischio infezione: sono 43 i casi di malattia neuro-invasiva da West Nile segnalati tra il 2008 e il 2011. A essere colpite 5 regioni, soprattutto Veneto ed Emilia Romagna, con una mortalità del 16% e un’incidenza di 0,55 per 100 mila abitanti. A fare il punto esperti riuniti oggi a Roma, nel corso della conferenza ‘L’epidemia della West Nile: tra superstizione e verità’.
Si tratta di una malattia infettiva, trasmessa dalle zanzare ed e’ da tempo nota per la sua capacità di aggredire il sistema nervoso centrale e in particolare l’encefalo.


In Italia la situazione appare preoccupante per i cavalli e altri equini: al 27 febbraio 2012 sono stati confermati oltre 90 focolai di infezione con 197 animali coinvolti. La malattia, che ha un andamento endemico-epidemico, e’ diffusa soprattutto in Africa, Europa Orientale, Asia occidentale, Medio Oriente e più recentemente negli Stati Uniti. La febbre West Nile non si trasmette da persona a persona. Attuali strategie preventive prevedono raccomandazioni del ministero della Salute per contenere e ridurre la diffusione del vettore e controlli su emoderivati (incluse cellule staminali) tessuti e organi per trapianti e sorveglianza zooprofilattica.
“Non dobbiamo creare situazioni di allarmismo relative alla West Nile – dichiara Antonio Tomassini, presidente della Commissione Sanità del Senato – Non si sono riscontrati contagi da animali a uomo, questo pero’ non deve farci abbassare la guardia. E’ bene monitorare la situazione perché al momento non esiste una terapia mirata in grado di attaccare direttamente il virus e non esiste ancora un vaccino specifico per l’uomo. L’unica misura possibile rimane ancora solo il controllo nei confronti della popolazione di zanzare”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!