GE HEALTHCARE PRESENTA LE NUOVE …

La divisione medicale di …

Dai pipistrelli, oltre alla cont…

I pipistrelli possono for…

Ictus: quella passeggiata quotid…

Camminare puo' ridurre il…

Ratto robot con i baffi dà nuovo…

[caption id="attachment_1…

Il biosimilare in Italia è un’oc…

Roma, 25 giugno 2015 - “L…

Bilirubina: protegge da cancro e…

Il pigmento contenuto nel…

[AIRC] La leucemia nemica meno t…

[caption id="attachment_9…

Test italiano per predire Alzhei…

C4D, un semplice esame di…

Dolore, a Udine la campagna di f…

Dolore cronico in ortoped…

Proteina orexina, legata alla so…

La proteina orexina, che …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Balbuzie: basterebbe una settimana di terapia per ridurla

Appena una settimana di “speech therapy” – terapia del discorso – puo’ essere sufficiente per riorganizzare il cervello e aiutare a ridurre la balbuzie. E’ quanto emerso da un nuovo studio cinese pubblicato su Neurology. La ricerca offre una nuova prospettiva sul ruolo di differenti regioni cerebrali nello sviluppo della balbuzie che affligge l’1 per cento della popolazione adulta. Lo studio ha coinvolto 28 persone affette da balbuzie e ha utilizzato scansioni diagnostiche per misurare lo spessore della corteccia cerebrale e le interazioni tra le zone del cervello.


Dopo la terapia di una settimana, la connettivita’ funzionale nel cervelletto dei balbuzienti e’ stata ridotta allo stesso livello di quella dei non-balbuzienti. “Questi risultati mostrano che il cervello puo’ riorganizzarsi con la terapia, e che i cambiamenti nel cervelletto sono il risultato della compensazione effettuata dal cervello delle carenze che regolano la balbuzie”, ha detto l’autore dello studio, Chunming Lu. “La ricerca fornisce, inoltre, la prova che la struttura della zona pars opercularis del cervello e’ alterata nei balbuzienti”, ha concluso.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi