Occhi a rischio disidratazione: …

In estate a mettere a ris…

Scoperto un ormone che annulla l…

Un gruppo di ricercatori …

Tumore al seno: una proteina per…

I risultati dello studio …

Cancro ovarico e altezza: la str…

La probabilità di svilupp…

#Coronavirus, un vaccino italian…

Il primo in Europa: Auris…

All’Azienda Ospedaliera Guido Sa…

Con il progetto formativo…

Anziani a lezione di farmaci equ…

Al via il progetto di sup…

Cromosoma Y: nell'indebolimento …

Gli scienziati hanno scop…

Tumori: l'osteosarcoma nei bimbi…

Ogni anno in Italia oltre…

Eli Lilly inaugura nuova linea p…

Eli Lilly incrementa la s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Coaguli: dalla GB tecnica “aspirapolvere”, per liberare da ostruzioni presenti sulle autostrade del sangue

Il piccolo Albert Tansey è diventato il primo bambino al mondo ad avere subito una procedura chirurgica che ha ‘aspirato’ il coagulo che bloccava un’arteria del cuore e ripristinato il flusso sanguigno. Una procedura che gli ha salvato la vita. Infatti il bambino inglese era nato con una sindrome del cuore sinistro ipoplasico, un insieme di anomalie cardiache che colpiscono esclusivamente i neonati non permettendo la corretta formazione del cuore. L’intervento è stato portato a termine dal team del Glenfield Hospital di Leicester (Gb).

“La tecnica utilizzata, un intervento coronarico percutaneo, anche se diffusa nel caso di pazienti adulti non era mai stata provata prima su un bambino così piccolo – spiegano i chirurghi al ‘Telegraph’ – ma era l’opzione migliore. Così abbiamo provveduto ad ripulire il coagulo dal cuore. E’ comunque una procedura rischiosa perchè eseguita in anestesia generale e – concludono – se non si riesce ad intervenire in maniera perfetta il paziente rischia anche di morire”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi