Epatite: minsalute, emergenza C

Nel nostro Paese c'e' "un…

AIDS: il Premio Nobel, possibile…

Una cura scientificamente…

I pediatri italiani a Balduzzi: …

Un messaggio chiaro dal c…

Fecondazione eterologa: sulla do…

“In qualità di società sc…

Olfatto in laboratorio, o naso a…

[caption id="attachment_7…

Le Minacce alla Qualità del Farm…

A Milano una Tavola Roton…

Dengue: cambiamenti climatici e …

Se non rallentano, gli ef…

La "luce in fondo al tunnel" del…

Circa il 20% di chi s…

La demenza cancella anche il ric…

[caption id="attachment_7…

Le strategie biologiche anticanc…

Molto più longevo degli a…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Virus Nipah: testato con successo un vaccino

Un team di ricercatori ha testato con successo nelle scimmie un vaccino contro il virus Nipah, agente patogeno umano che emerse nel 1998 durante una grande epidemia che porto’ l’infezione tra i maiali e gli allevatori di maiali nel Sud-Est asiatico. Il vaccino si basa su una precedente scoperta che ha rilevato che gli stessi principi sono in grado di proteggere dal virus Nipah gatti, furetti e cavalli. Il virus appare strettamente correlato a Hendra. Entrambi i virus, inoltre, hanno un alto tasso di mortalita’ nell’uomo, oltre il 75 per cento per Nipah e il 60 per cento per Hendra. Infezioni da questi virus prendono di mira i polmoni e il cervello e diverse epidemie si sono verificate regolarmente negli ultimi dieci anni.


I focolai di Nipah si sono verificati in Malesia, Singapore, Bangladesh e India. Quelli di Hendra sono rimasti confinati in Australia fin dal suo emergere nei cavalli e negli esseri umani nel 1994. Il gruppo di ricerca ha sviluppato un vaccino basato su una proteina di superficie del virus Hendra, la glicoproteina G, un obiettivo noto per innescare una risposta immunitaria protettiva. Un gruppo di scimmie e’ stato utilizzato per testare tre diverse dosi di vaccino in combinazione con un adiuvante. Tutti i nove animali vaccinati sono sopravvissuti all’attacco del virus letale Nipah iniettato dopo 42 giorni dalla vaccinazione. La ricerca e’ della Boston University ed e’ stata pubblicata su Science Translation Medicine. Il vaccino e’ in fase di sviluppo commerciale in Australia per essere utilizzato con i cavalli.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi