Nuova SARS: molecola impedisce l…

Alcuni scienziati della F…

Sindrome premestruale, il proble…

Alla base della sindrome …

"L'ho già visto!" - Scienziati s…

Il suono di una voce che …

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Schizofrenia: farmaco sperimenta…

Un farmaco antitumorale s…

Nei mancini il rischio psicosi è…

Una brutta notizia per i …

Cancro al fegato: sperimentata u…

Bloccare il nutrimento al…

Sclerosi Multipla e CCSVI: al vi…

È partito anche a Reggio …

SLA: nuovi studi sul gene FUS, e…

Gli aggregati proteici ti…

Dal CHMP una misura di cautela …

Roma, 26 gennaio 2015 - I…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete: scoperti altri 10 nuovi geni, per completare quasi del tutto la mappa

Dieci nuove aree del Dna associate al diabete di tipo 2, la forma legata a doppio filo con l’epidemia di sovrappeso e obesità, sono state scoperte da un team internazionale di ricercatori in uno studio pubblicato su ‘Nature Genetics’. Il lavoro, coordinato dall’università di Oxford (Gb), dal Broad Institute di Harvard, dal Mit e dall’università del Michigan di Ann Arbor (Usa), porta a oltre 60 il numero complessivo di geni ‘imputati’ nel cosiddetto diabete adulto o non insulino-dipendente, responsabile secondo le autorità sanitarie mondiali di una pandemia che rischia di colpire in età sempre più precoce. La scienza è ora più vicina a completare il puzzle genetico della malattia del sangue dolce. Gli autori hanno analizzato il Dna di circa 35 mila pazienti con diabete di tipo 2 e di 115 mila persone sane, individuando appunto 10 nuove regioni in cui particolari variazioni genetiche possono essere associate al rischio di ammalarsi.


Per due di queste porzioni di genoma sono stati osservati effetti diversi negli uomini e nelle donne: una è legata a una maggiore probabilità di diabete nei maschi, l’altra nelle femmine. “Questo studio ci porta un passo più vicini alla comprensione totale della biologia del diabete – commenta Mark McCarthy del Wellcome Trust Centre for Human Genetics dell’università di Oxford – E’ difficile sviluppare nuovi farmaci per combatterlo, senza prima avere capito quali processi biologici dobbiamo colpire. Con questo lavoro siamo più vicini a fare gol”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi