SItI e Sanofi Pasteur MSD: partn…

Due giorni di formazione …

Legalizzazione Cannabis: il PdL …

Per tutta la notte hanno…

Ossitocina: l'ormone che rende f…

L’ormone ossitocina potre…

Malattia di La Peyronie: a Villa…

Presso la clinica toscana…

Tubercolosi: parte il trial per …

[caption id="attachment_9…

Meningite neonatale: Il quesito …

[caption id="attachment_6…

Settimana mondiale del cervello:…

Domenica 10 marzo, ore 20…

Il caos violento del Lupus: sare…

Secondo due studi Usa, so…

La 'Terapia fotodinamica' che so…

[caption id="attachment_1…

Ospedali pain free per grandi e …

Ben 2 bambini su 5 e 1 ad…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epilessia: uno stimolatore elettrico cerebrale riduce gli attacchi

Uno stimolatore elettrico capace di autoregolarsi ha mostrato di riuscire a ridurre l’entita’ delle crisi epilettiche in alcuni topolini. La ricerca della Rutgers University di Newark, New Jersey, e’ stata pubblicata su ‘Science’. In particolare, i ricercatori si sono concentrati su quel tipo di crisi denominate ‘assenze’, quelle cioe’ in cui chi ne e’ colpito sperimenta una interruzione dello stato di coscienza e sembra assente e insensibile per un breve periodo di tempo (di solito una decina di secondi).


I ricercatori hanno impiantato nel cervello di alcuni ratti un dispositivo che individua i picchi e le onde cerebrali che sono caratteristici delle assenze epilettiche. Successivamente, lo strumento invia delle stimolazioni elettriche che contrastano questa attivita’ neuronale: i risultati hanno mostrato una riduzione della durata delle crisi di circa il 60 per cento. L’apparecchio, che usa elettrodi alimentati da circuiti elettrici ultraleggeri, potrebbe essere impiantato nello scalpo e secondo gli scienziati potrebbe costituire un modo anche esteticamente accettabile di offrire un efficace trattamento terapeutico per il controllo delle crisi epilettiche.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi