Anoressia e bulimia: campagna tr…

Presentata all'Agis la Ca…

Sclerosi multipla: quando il san…

La sclerosi multipla potr…

Il lato indispensabile del Cromo…

Uno studio su topi ha mos…

[IRCCS E. Medea] Per traumi clin…

A Pieve di Soligo sperime…

Tumori: Trastuzumab conferma eff…

In 2000 donne lombar…

I cerotti fisioterapici benefici…

[caption id="attachment_3…

Donne "over 50": fratture al fem…

"Per le donne dopo i 50 a…

Dolore cronico: negli ospedali i…

Secondo 1 specialista su …

La chirurgia tra tecniche sempre…

Centinaia di chirurghi da…

Primo impianto dispositivo Watch…

E' stato eseguito per…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epilessia: uno stimolatore elettrico cerebrale riduce gli attacchi

Uno stimolatore elettrico capace di autoregolarsi ha mostrato di riuscire a ridurre l’entita’ delle crisi epilettiche in alcuni topolini. La ricerca della Rutgers University di Newark, New Jersey, e’ stata pubblicata su ‘Science’. In particolare, i ricercatori si sono concentrati su quel tipo di crisi denominate ‘assenze’, quelle cioe’ in cui chi ne e’ colpito sperimenta una interruzione dello stato di coscienza e sembra assente e insensibile per un breve periodo di tempo (di solito una decina di secondi).


I ricercatori hanno impiantato nel cervello di alcuni ratti un dispositivo che individua i picchi e le onde cerebrali che sono caratteristici delle assenze epilettiche. Successivamente, lo strumento invia delle stimolazioni elettriche che contrastano questa attivita’ neuronale: i risultati hanno mostrato una riduzione della durata delle crisi di circa il 60 per cento. L’apparecchio, che usa elettrodi alimentati da circuiti elettrici ultraleggeri, potrebbe essere impiantato nello scalpo e secondo gli scienziati potrebbe costituire un modo anche esteticamente accettabile di offrire un efficace trattamento terapeutico per il controllo delle crisi epilettiche.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi