Palatoschisi: quella canina aiut…

Un gruppo di scienziati d…

Tumori e genoma: le strane allea…

Effettuata la sequenz…

Cuore virtuale creato da scienzi…

Scienziati sviluppano un …

La ragnatela non ha segreti. Sar…

Washington, 2 nov. - Ades…

Alimentazione: broccoli e maqui …

Si combatte a tavola la g…

La cultura e' considerata la mig…

La cultura è il miglior f…

Equivalenti e biosimilari, un bi…

Si tiene oggi a Roma il C…

Microchip in grado di interagire…

Un consorzio europeo di s…

Infarto. Ticagrelor, il nuovo fa…

TICAGRELOR, IL NUOVO T…

I neuroni prediligono i volti 'p…

Data l'importanza del ric…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epilessia: uno stimolatore elettrico cerebrale riduce gli attacchi

Uno stimolatore elettrico capace di autoregolarsi ha mostrato di riuscire a ridurre l’entita’ delle crisi epilettiche in alcuni topolini. La ricerca della Rutgers University di Newark, New Jersey, e’ stata pubblicata su ‘Science’. In particolare, i ricercatori si sono concentrati su quel tipo di crisi denominate ‘assenze’, quelle cioe’ in cui chi ne e’ colpito sperimenta una interruzione dello stato di coscienza e sembra assente e insensibile per un breve periodo di tempo (di solito una decina di secondi).


I ricercatori hanno impiantato nel cervello di alcuni ratti un dispositivo che individua i picchi e le onde cerebrali che sono caratteristici delle assenze epilettiche. Successivamente, lo strumento invia delle stimolazioni elettriche che contrastano questa attivita’ neuronale: i risultati hanno mostrato una riduzione della durata delle crisi di circa il 60 per cento. L’apparecchio, che usa elettrodi alimentati da circuiti elettrici ultraleggeri, potrebbe essere impiantato nello scalpo e secondo gli scienziati potrebbe costituire un modo anche esteticamente accettabile di offrire un efficace trattamento terapeutico per il controllo delle crisi epilettiche.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi