Risultati aggiornati di Fase III…

· darucizumab ha inattiva…

Le lesioni parziali del midollo:…

Imparare a controllare i …

Stipsi cronica: una malattia che…

Presentati a Milano i r…

Gel a DNA che simula i muscoli

Alcuni ricercatori americ…

Varianti genetiche definiscono l…

[caption id="attachment_6…

Merck Serono S.p.A. destina 1,2 …

·       L’investimento te…

Malattie rare mitocondriali: arr…

Sviluppata dal Centro per…

Arterie: scoperto un gene implic…

Gli scienziati del Sa…

Cancro colon: nuovo test esegue …

Un nuovo e non invasivo …

Proteine: il percorso che le por…

Identificato un percorso…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Salute – Cittadinanzattiva: reparti oncologia e terapie del dolore “in ferie”, ma le malattie no. Denunce dei cittadini di varie città

Il servizio di terapia del dolore di Teramo, vari reparti oncologici della citta’ di Roma, con Policlinico Umberto I e Villa San Pietro-Fatebenefratelli in testa. Sono queste alcune delle segnalazioni piu’ ”amare” relative ai disservizi estivi in sanita’ giunte al Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. ”Un esempio? – spiega Cittadinanzattiva – una signora di 62 anni malata oncologica costretta per una complicanza a ricorrere all’ ospedale, e stare 3 giorni e 3 notti su una lettiga per la chiusura del reparto, per consentire al personale di smaltire le ferie e poi ricoverata in ortopedia”.

”La desertificazione dei servizi sanitari e’ sempre un problema di organizzazione e programmazione – ha dichiarato Giuseppe Scaramuzza, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva – come avvenuto per i cittadini abruzzesi, privati per quasi un mese del servizio di terapia del dolore, e costretti ad andare fuori regione con evidenti spese di mobilita’ passiva per l’amministrazione”.

”Altro che risparmi – ha aggiunto Scaramuzza – Nel momento peggiore per l’ondata di calore, crediamo che le amministrazioni dovrebbero prevedere anche il richiamo dalla ferie del personale per rafforzare l’assistenza. Tutto sembra purtroppo organizzato in funzione delle necessita’ amministrative e dei dipendenti e non per i bisogni dei cittadini. E le decisioni sembrano ferme a quando l’80% dei cittadini partivano. Ormai le citta’ rimangono attive e questo dovrebbe prevedere un adeguamento dei servizi senza nessuna sospensione. Questo e’ anche risparmio oltre che rispetto dei cittadini”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi