Un virus dietro le cause di un t…

[caption id="attachme…

Bambini all'aria aperta anche d'…

Le precauzioni per evitar…

Allergie: i batteri intestinali …

I batteri che vivono norm…

Cure palliative: al nuovo Hospic…

Accompagnare il paziente …

Parkinson e patologie neurologic…

Malattia di Parkinson: …

Epatite C: gli esperti consiglia…

Trattare tutti i pazienti…

Farmaci: una tecnica che trasfor…

Grazie a una nuova tecnic…

Cellule riprogrammate per produr…

Un gruppo di scienziati d…

Celiachia: una nuova mappa mondi…

Delinea una nuova epidemi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Antibiotici prima dei 6 mesi di vita e obesità: allo studio un possibile collegamento

Trattare i bambini molto piccoli con gli antibiotici li può predisporre al sovrappeso più in là nell’infanzia, secondo uno studio condotto su più di 10.000 baby-pazienti da ricercatori della School of Medicine e della Wagner School of Public Service della New York University (Usa) e pubblicato online sul ‘Journal of Obesity’.
Lo studio ha rilevato che, in media, i bambini esposti agli antibiotici dalla nascita fino a 5 mesi di età pesano di più rispetto ai bambini che non sono stati trattati con questi farmaci. Fra i 10 e 20 mesi, questo si traduce in piccoli aumenti dell’indice di massa corporea. Ed entro i 38 mesi di età, i bambini che avevano assunto antibiotici avevano una probabilità del 22% maggiore di essere in sovrappeso.

Tuttavia, sono i tempi di esposizione ai medicinali a essere essenziali: i bambini che sono stati in cura a partire dai 6 ai 14 mesi non hanno avuto problemi di peso successivamente. Leonardo Trasande, uno degli autori dello studio, precisa che lo studio non prova che gli antibiotici nei primi mesi del vita fanno ingrassare i bambini: mostra solo che esiste una correlazione. Ulteriori studi dovranno essere condotti per esaminare la questione e determinare un eventuale nesso causale diretto.(ADNKRONOS)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi