Riconoscere il dolore al petto, …

[caption id="attachment_8…

L'opera somma in volumi: Genomic…

Genomic Encyclopedia of B…

Batteri infettivi: sviluppata nu…

I batteri nocivi potrebb…

Superspermatozoi e tassi di infe…

[caption id="attachme…

Anche l'uomo (e i mammiferi) ha …

Una piccola porzione del …

La proteina promoter dell'incont…

Il recettore delle cellul…

Progesterone post-menopausa non …

Il trattamento con proges…

COMUNICAZIONE DIGITALE IN SANITA…

Istituzioni, aziende, cli…

Chewing gum: l'eccessiva mastica…

L'eccessivo consumo di c…

Utilizzo farmaci negli allevamen…

L'aggiunta sistematica di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule staminali: ad esemplari murini viene “restituito” l’udito

Le cellule staminali hanno permesso di restituire l’udito: l’esperimento e’ stato condotto su alcuni piccoli roditori nei quali sono state trapiantate le cellule embrionali della coclea, una struttura dell’orecchio interno.
Una volta impiantate negli animali, le cellule si sono moltiplicate ripristinando le funzioni uditive. L’esperimento realizzato da un gruppo di ricercatori dell’Universita’ di Sheffield e pubblicato su Nature apre una strada promettente per combattere la sordita’ anche nell’uomo.

La sordita’ e’ causata principalmente dalla perdita di specifiche cellule sensoriali, ciliate, presenti nell’orecchio interno e dei neuroni uditivi associati; cio’ causa un’interruzione nel circuito che trasporta i segnali uditivi al cervello. L’unica cura attualmente disponibile e praticata per i pazienti affetti da problemi all’orecchio interno, i piu’ difficili da curare, e’ l’impianto di protesi interne, veri e propri orecchi interni. Il gruppo di ricercatori britannici guidati da Marcelo Rivolta descrive ora una nuova strada per ripristinare la trasmissione dei segnali uditivi al cervello.
Utilizzando alcune cellule staminali embrionali umane, i biologi sono riusciti in laboratorio a indurle a trasformarsi nei progenitori delle cellule uditive e successivamente impiantate nell’orecchio interno di alcuni gerbilli, piccoli roditori. Le nuove cellule si sono successivamente differenziate in neuroni uditivi e cellule ciliati ripristinando cosi’ le funzioni uditive.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!