Fattori di invecchiamento cerebr…

Fattori di rischio vascol…

Genova, convegno internazionale …

[caption id="attachme…

Un Hard Disk genetico, e libri s…

Il Dna è la molecola sull…

Farmaci omeopatici: nuove dirett…

MILANO - L’Agenzia italia…

Diabete: l'AIFA pubblica un algo…

L'Agenzia Agenzia Italian…

Genetica: non sempre c'e' legame…

[caption id="attachment_6…

Giuseppe Mele: ‘Pediatri, oggi è…

Il 7 e 8 Dicembre la Pedi…

Trovato gene che difende la tras…

Trovato gene che negli es…

Un farmaco contro il tumore al s…

Una nuova ricerca proveni…

Nuovo studio clinico su dabigatr…

·         Sono oltre  2…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Occhio bionico: impiantato con successo effettuato su di una non vedente.

Un passo importante per le persone non vedenti. Si tratta del primo impianto di occhio bionico effettuato da un team di medici australiani. Il Bionic Vision Australia (Bva), consorzio scientifico governativo, ha dichiarato, secondo quanto pubblicato dalla Abc, di aver installato chirurgicamente il primo prototipo di occhio robotico in una donna con cecita’ ereditaria causata da una retinite pigmentosa degenerativa. Descritto come un occhio “pre-bionico”, la sottile struttura e’ stata attaccata alla retina della paziente Dianne Ashworth e contiene ventiquattro elettrodi che lanciano impulsi elettrici per stimolare le cellule nervose dell’occhio.

Lo strumento sara’ testato sull’occhio della Ashwort per un’avventura che Penny Allen, il chirurgo che ha effettuato l’intervento, ha definito “una prima mondiale e un’esperienza incredibile”. L’occhio bionico servira’ per il momento a esplorare come le immagini sono costruite dal cervello. I test aiuteranno a comprendere cosa la paziente sara’ in grado di vedere a diversi livelli di stimolazione. Il team sta lavorando anche allo sviluppo di un sistema a 98 elettrodi capace di ampliare la vista anche a oggetti grandi come palazzi e automobili.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi