Cancro e mRNA: cambiamento di ro…

[caption id="attachme…

Alzheimer: il ruolo dello stress…

L'aumento della produzion…

Ebola: medico trattato con ZMapp…

Kent Brantly ha contratto…

Rivaroxaban di Bayer ha ridotto …

·         Rivarox…

Il "lato buono del colesterolo" …

Una dieta ricca di colest…

Mal di schiena: la classifica de…

Gli improvvisi attacchi d…

Cataratte: in Italia uno su 4 ov…

Ogni anno in Italia vengo…

Occhio agli uomini italiani: olt…

Una recente indagine inte…

Fumo passivo: parte dalla Svizze…

Divieti di fumare più res…

Ictus: una proteina del sangue n…

L'inibizione di una prote…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fecondazione assistita: prima donna incinta con tecnica di maturazione in vitro senza usare farmaci

Nel Regno Unito e’ stata la prima a tentarci e riuscirci, e ora ha deciso di raccontare pubblicamente, in un’intervista al quotidiano ‘The Independent’, la sua storia per invogliare altre donne, che hanno abbandonato il sogno di un figlio, a seguire il suo esempio. Tina Milkovic, 34 anni, e’ stata la prima donna britannica ad usare con successo una tecnica di fertilita’ per cui non sono necessari i farmaci: la maturazione in vitro (ivm).
A differenza della fecondazione in vitro (fivet), in questo caso si prelevano gli ovociti dalle ovaie materne per farli maturare in laboratorio, e senza usare farmaci. Un’alternativa piu’ sicura per le tante donne che soffrono di sindrome dell’ovaio policistico, e che possono avere gravi reazioni ai farmaci di stimolazione ormonale delle ovaie. Tina, con suo marito Joe, 48 anni, ha avuto cosi’ due gemelli che ora hanno 5 anni.

La sindrome dell’ovaio policistico colpisce 1 donna su 10 e circa il 40% necessita di trattamenti di fertilita’. Il 25% di loro e’ piu’ a rischio di iperstimolazione ovarica, che puo’ essere fatale. Circa l’1% delle donne che si sottopone a fivet finisce all’ospedale per questo motivo. Il problema e’ che la fivet usa dosi massicce di farmaci della fertilita’ per far maturare gli ovociti dentro i follicoli ovarici, prelevandoli poi per fertilizzarli con lo sperma. Con l’ivm invece gli ovuli non ancora maturi sono raccolti dalle donne, a cui non sono state stimolate le ovaie, e vengono fatti maturare in laboratorio fino a 48 ore per poi fertilizzarli con lo sperma.
L’ivm inoltre costa 2.100 sterline a ciclo, contro le 4mila della fecondazione in vitro, ma e’ efficace la meta’ delle volte. Prima del Regno Unito, la tecnica era stata sperimentata in Corea del Sud e Canada. ‘La notte prima di iniziare la fivet – racconta Tino – scoprimmo che il nostro medico era stato autorizzato a provare la ivm. Cosi’ ci abbiamo provato, ed e’ andata bene al primo tentativo. Molte donne non sanno che questa tecnica e’ disponibile in Inghilterra’.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x