Osteoporosi: l'ormone tiroideo f…

L'ormone tireostimolante …

Alzheimer: scoperto un anticorpo…

Un nuovo studio pubblicat…

Scoperto il gene primario dell’E…

Lo studio, appena pubblic…

Parkinson: Ibuprofene allontaner…

L'ibuprofene, uno dei piu…

Nel DNA le orme dell'infinita lo…

Dalla peste bubbonica all…

Congresso SIN: annunciato il vin…

Roma, 14 ottobre 2014 – L…

Un importante traguardo: control…

[caption id="attachment_1…

Melanoma: nuova terapia di vacci…

[caption id="attachment_6…

La latenza del virus HIV determi…

[caption id="attachment_7…

Scoperto un processo chiave nel …

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gel a DNA che simula i muscoli

Alcuni ricercatori americani hanno costruito un materiale genetico “meccanicamente attivo”: il materiale ‘smart’ e’ composto da Dna e risponde con un movimento quando stimolato. La ricerca della University of California di sata Barbara e’ stata pubblicata sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences”. Secondo gli scienziati, dunque, muscoli artificiali e semoventi potrebbero presto non essere solo una finzione fantascientifica. Gli studiosi hanno realizzato un gel dinamico composto da Dna che risponde meccanicamente agli stimoli in modo molto simile a quanto fanno le cellule. “Si tratta di un nuovo tipo di gel reattivo, un materiale intelligente che ha capacita’ meccaniche in quanto genera le forze in modo indipendente, portando a cambiamenti di elasticita’ e di forma quando si somministrano molecole Atp (adenosina trifosfato) per l’energia, come fa una cellula vivente” ha spiegato Omar Saleh, fra gli autori dello studio. Il gel di Dna, che misura solo 10 micron di larghezza, ha circa le dimensioni di una cellula eucariotica, il tipo di cellula degli esseri umani.


La sostanza contiene al suo interno dei nanotubi rigidi di Dna collegati tra loro da lunghi e flessibili filamenti di Dna, che fungono da substrato per “motori” molecolari. Utilizzando una proteina batterica, chiamata FtsK50C, gli scienziati hanno indotto il gel a reagire come il citoscheletro reagire alla proteina miosina (quella dei muscoli), ossia con contrazioni e irrigidimento. La proteina si lega in superficie ai lunghi filamenti di collegamento, accorciandoli e portando i nanotubi ad avvicinarsi tra loro.
Per accertare il movimento del gel, gli scienziati hanno attaccato un piccolo frammento sulla sua superficie e hanno misurato la sua posizione prima e dopo l’attivazione della proteina “motrice” stimolante. (AGI) .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi