Funziona il primo polmone in pro…

[caption id="attachment_8…

Tumore al seno: cure mirate con …

Il tumore al seno colpisc…

La luce influisce cognitivamente…

La luce migliora l'attivi…

Tumore della prostata in Italia:…

Fondamentalii percorsi di…

Le lesioni parziali del midollo:…

Imparare a controllare i …

Capperi scudo anti-allergia, alt…

Il cappero in aiuto di ch…

Per un cuore sano, oltre a coles…

[caption id="attachment_7…

Aspirina: i mille volti di un fa…

V° Congresso Provinciale …

Rivaroxaban ottiene la rimborsab…

Milano, 29 Agosto 2014 – …

Enfisema: la predisposizione e l…

Sebbene i topi non avesse…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ictus: alcuni antidepressivi possono aumentarne il rischio

L’uso di alcuni popolari antidepressivi e’ legato a un rischio aumentato di ictus causato da sanguinamenti del cervello, anche se molto basso. Lo studio pubblicato sulla rivista ‘Neurology’ e’ stato realizzato dalla Western University in London, Ontario. Per la ricerca, gli scienziati hanno analizzato l’uso di antidepressivi e la ricorrenza di ictus vagliando 16 studi che coinvolgevano un totale di 500mila partecipanti.


I risultati hanno mostrato che chi assumeva inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), i piu’ comuni antidepressivi, aveva il 50 per cento di probabilita’ in piu’ di subire un’emorragia intracranica rispetto a coloro che non prendevano antidepressivi, e circa il 40 per cento in piu’ di avere una emorragia intracerebrale. Si stima che ogni anno si verifichino 24,6 ictus ogni 100mila persone. Secondo la ricerca, l’uso dei SSRI aumenta questo rischio di un ictus ogni 10mila persone all’anno.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi