Alzheimer: nuovo farmaco per ric…

Un farmaco contro l'A…

Perdita di memoria: nuova tecnic…

Preoccupati che una dimen…

Epatite C: l'allarme dei microbi…

E' necessaria una campa…

Bere caffè potrebbe avere incide…

Bere diverse tazze di caf…

Anticorpo di coniglio riduce i f…

Un anticorpo tratto dai c…

Nuova Aviaria: primo contagio da…

Rilevato in Cina il p…

Citospugna per prelievo campioni…

[caption id="attachment_9…

Lo "stato assorbente" delle fibr…

Un team di ricercatori te…

SIN-ergia: analisi e riflessioni…

Presentazione dello studi…

ADHD rappresenta un complesso di…

La Sindrome da Deficit d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vitamina C e beta-carotene per combattere la demenza

Possono la vitamina C e il beta-carotene aiutare a proteggere le persone dalla demenza? Una nuova ricerca dalla Germania suggerisce che è possibile. Scienziati dell’Università di Ulm hanno indagato l’effetto degli antiossidanti nella patogenesi della malattia di Alzheimer.

I risultati, presentati nel Journal of Alzheimer, indicano che è possibile influenzare la patogenesi di questo disturbo neurologico attraverso l’uso di antiossidanti alimentari o anche un cambiamento nella dieta. Lo studio è stato in parte finanziato dal Settimo programma quadro dell’UE (7° PQ).

Circa 700.000 persone in Germania sono state diagnosticate con il morbo di Alzheimer. I sintomi includono la mancanza di orientamento, il declino cognitivo e la distrazione, innescati da placche di beta amiloide, la degenerazione di fibrille e la perdita delle sinapsi. Valutando 74 pazienti di Alzheimer e 158 controlli sani di età compresa tra 65 e 90, i ricercatori hanno scoperto che la concentrazione sierica di vitamina C e di beta-carotene antiossidanti sono molto più bassi nei pazienti con demenza di grado lieve rispetto alle persone di controllo. Va notato che i soggetti erano abbinati genere e della stessa età. Per lo studio sono anche stati misurati il sangue e l’indice di massa corporea (IMC).

I ricercatori hanno detto che lo stress ossidativo contribuisce allo sviluppo della malattia di Alzheimer. Lo stress ossidativo vincola lo sfruttamento di ossigeno nell’uomo. Il team ritiene che i cosiddetti antiossidanti potrebbero proteggere l’organismo contro la neurodegenerazione.

Per il loro studio, gli scienziati hanno esaminato se i livelli sierici di vitamina C, vitamina E, beta-carotene, licopene e coenzima Q10 sono molto più bassi nel sangue dei pazienti affetti da Alzheimer.

“Al fine di riuscire a influenzare l’insorgenza e lo sviluppo della malattia di Alzheimer, abbiamo bisogno di essere consapevoli dei potenziali fattori di rischio”, ha detto il dott. Gabriele Nagel dell’Università di Ulm.

Il team ha scoperto che la concentrazione di vitamina C e di beta-carotene nel siero dei pazienti con Alzheimer era molto più bassa che nel sangue dei soggetti di controllo. Tale differenza non è stata osservata tra i gruppi rispetto ad altri antiossidanti (vitamina E, licopene e coenzima Q10). I ricercatori hanno incluso nella loro analisi statistica potenziali fattori di confondimento come l’indice di massa corporea, lo stato civile, l’istruzione e il consumo di alcol e tabacco.

Hanno scoperto che la conservazione e la preparazione dei cibi, e fattori di stress nella vita dei pazienti potrebbero avere influenzato i risultati. “Gli studi longitudinali con più partecipanti sono necessari per confermare il risultato che la vitamina C e il beta-carotene potrebbero prevenire l’insorgenza e lo sviluppo della malattia di Alzheimer”, ha detto il dott. Nagel.

Per maggiori informazioni, visitare:

Università di Ulm
http://www.uni-ulm.de/en/homepage.html

Journal of Alzheimer’s Disease:
http://www.j-alz.com/

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi