Il cervello come reagisce ad un …

Metà degli ultrasessanten…

Vaccino anti-HERV tra le soluzio…

Nelle cellule infettate d…

L'area del cervello che 'delimit…

[caption id="attachme…

Citospugna per prelievo campioni…

[caption id="attachment_9…

Procreazione assistita: in Itali…

In Italia c'e' una tenden…

La vera pandemia del secolo è il…

[caption id="attachme…

Un farmaco anti-asma utile anche…

Il farmaco Amlexanox (nom…

Antidepressivi: l'AIFA registra …

Il farmaco in Italia e' …

Immuno-oncologia: quarta reale a…

Roma, 27 ott 2014 - Poten…

Ictus: un nuovo 'salvavita' potr…

Un nuovo aiuto contro l'i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: spegnere un enzima riduce il rischio e allevia sintomi

Lo studio per ora è stato condotto solo sui topi, ma i ricercatori sono speranzosi: è stato infatti scoperto un nuovo interruttore molecolare in grado di migliorare, se spento, l’insorgenza della demenza di Alzheimer o di ridurre i danni cerebrali da questa provocati. Grazie alla ricerca pubblicata su Cells Report dal team di Chen Chu del Louisiana State University Health Sciences Center di New Orleans (Usa), gli studiosi hanno individuato in un enzima chiamato monoacilglicerolo lipasi (MAGL) un nuovo bersaglio terapeutico per trattare o prevenire la malattia di Alzheimer.

I ricercatori hanno rilevato che l’inattivazione di MAGL riduce la produzione e l’accumulo di placche della proteina beta-amiloide, una delle cause dell’insorgenza della malattia di Alzheimer, abbassa i livelli di infiammazione a livello neuronale e migliora la memoria e le capacità di apprendimento. “I nostri risultati – spiega Chen Chu – suggeriscono che MAGL contribuisce allo sviluppo della malattia di Alzheimer e che, al contrario, bloccarne il funzionamento rappresenta un promettente target terapeutico”. Gli studiosi hanno disattivato il funzionamento dell’enzima con un inibitore altamente selettivo, e hanno scoperto che lo “spegnimento” dell’interruttore molecolare per otto settimane è sufficiente a contenere la produzione e la deposizione delle placche di beta-amiloide e a inibire il funzionamento di un gene responsabile della tossicità della proteina beta-amiloide per le cellule cerebrali.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!