Cancro al seno: tamoxifene riduc…

L'uso del farmaco preven…

Chemioterapia: impianti al palla…

Impianti metallici che p…

Infarto: individuate altre tredi…

Tredici nuove mutazioni g…

Tumori trattati con Tomoterapia …

[caption id="attachment_8…

Alzheimer: basso rischio di tumo…

Il rischio di avere un …

Degenerazione maculare: il fumo …

[caption id="attachment_5…

Nuovo meccanismo di espressione …

In uno studio sulle c…

Congresso SIN: annunciato il vin…

Roma, 14 ottobre 2014 – L…

Smog: test svela in tempo reale …

[caption id="attachment_6…

Prevenzione coi "baffi" il Polic…

Malattie urologiche: saba…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Correlazione tra recidiva cancro alla prostata e livello (basso) di testosterone.

Il crollo del testosterone e’ correlato alla recidiva del cancro alla prostata. Gli uomini il cui testosterone scende drasticamente dopo la radioterapia effettuata per curare il tumore alla prostata hanno piu’ possibilita’ di riammalarsi dello stesso tumore successivamente, secondo una nuova ricerca del Fox Chase Cancer Center. I valori calati dell’ormone maschile possono quindi costituire un campanello d’allarme per la potenziale riapparizione del cancro alla prostata. La scoperta sara’ presentata al meeting annuale dell’American Society for Radiation Oncology.


In particolare, sostiene lo studio statunitense, gli uomini che hanno subito differenti tipologie di terapie radioattive e rivelano un calo di testosterone sono piu’ soggetti a rilevare anche un aumento dell’antigene prostatico specifico, spesso la prima indicazione per la recidiva del cancro alla prostata. “Gli uomini che hanno un livello di testosterone piu’ basso dopo aver subito le terapie hanno maggiori probabilita’ di riammalarsi di cancro alla prostata e di rivelare tassi piu’ alti di Psa”, ha spiegato Jeffrey Martin, autore della ricerca e fisico del Department of Radiation Oncology al Fox Chase.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!