"Faccia da Toast" - Un laborator…

26 settembre 2014 ore 13,…

29 OTTOBRE 2012 VIII GIORNATA MO…

 Allarme ictus - incremen…

Dita bioniche restituiscono la m…

Maria Antonia Iglesias è …

Pelle artificiale disegnata al c…

Pelle artificiale disegna…

NEL CORSO DEL 61° CONGRESSO ANNU…

I dati hanno dimostrato t…

Quando la schiena fa “crack”: pe…

Presso l’Ospedale San Car…

Scoliosi: migliora la terapia co…

Migliorare il rapporto d…

24 Marzo 2013 Giornata Mondiale …

Il ritorno della tubercol…

Diabete di tipo 2: abbassare col…

L'abbassamento intensivo…

Vendita sigarette elettroniche: …

L'efficacia delle sigaret…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Correlazione tra recidiva cancro alla prostata e livello (basso) di testosterone.

Il crollo del testosterone e’ correlato alla recidiva del cancro alla prostata. Gli uomini il cui testosterone scende drasticamente dopo la radioterapia effettuata per curare il tumore alla prostata hanno piu’ possibilita’ di riammalarsi dello stesso tumore successivamente, secondo una nuova ricerca del Fox Chase Cancer Center. I valori calati dell’ormone maschile possono quindi costituire un campanello d’allarme per la potenziale riapparizione del cancro alla prostata. La scoperta sara’ presentata al meeting annuale dell’American Society for Radiation Oncology.


In particolare, sostiene lo studio statunitense, gli uomini che hanno subito differenti tipologie di terapie radioattive e rivelano un calo di testosterone sono piu’ soggetti a rilevare anche un aumento dell’antigene prostatico specifico, spesso la prima indicazione per la recidiva del cancro alla prostata. “Gli uomini che hanno un livello di testosterone piu’ basso dopo aver subito le terapie hanno maggiori probabilita’ di riammalarsi di cancro alla prostata e di rivelare tassi piu’ alti di Psa”, ha spiegato Jeffrey Martin, autore della ricerca e fisico del Department of Radiation Oncology al Fox Chase.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi