Bloccare la motilita' dei batter…

[caption id="attachment_5…

[IRCCS E. Medea] Per traumi clin…

A Pieve di Soligo sperime…

Boom di tumori aggressivi tra i …

L'allarme lanciato dagli …

SLA: Ricerca congiunta Italia-US…

Nuova luce sulle cause de…

“MEDTRONIC GLOBAL HEROES 2015”: …

Dal 16 marzo al 1° maggio…

Vedere o sentire: per i neuroni …

Gli schemi di attivaz…

Sclerosi Multipla progressiva: u…

Una molecola da speriment…

Diabete di tipo 2: aerobica e pe…

Secondo uno studio dell'H…

La FDA si pronuncia, con limitaz…

[caption id="attachment_5…

Acne: l'utilizzo di alcuni farma…

L'uso di certi prodotti p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Da un fungo tibetano parassita un efficace antinfiammatorio

Un team di scienziati dell’Universita’ di Nottingham ha scoperto che un raro fungo parassita, che vive sui bruchi in letargo in Tibet, potrebbe svolgere importanti funzioni antinfiammatorie e diventare un principio attivo per farmaci contro condizioni come l’asma. Il fungo “Cordyceps” e’ un raro parassita che vive sui bruchi delle montagne tibetane e per secoli e’ stato utilizzato e venduto a prezzi esorbitanti come rimedio della medicina tradizionale cinese. Lo studio e’ stato descritto in un articolo pubblicato sulla rivista Rna. Gli scienziati hanno scoperto il potenziale antinfiammatorio del fungo analizzando la cordicepina, una delle sostanze rilevate nel parassita.

La cordicepina ha svelato un potenziale persino come farmaco per la terapia del cancro e come farmaco antinfiammatorio, in particolare per gli individui che soffrono di asma, artrosi reumatoide, disfunzione renale e danni da ictus. La ricerca ha dimostrato che la cordicepina potra’ dunque essere un principio attivo per molti farmaci anche se non e’ chiaro ancora come riesca a promuovere a livello cellulare cosi’ tanti benefici.
Lo studio ha dimostrato che la cordicepina riduce l’espressione dei geni infiammatori nelle cellule muscolari delle vie aeree, agendo sulla fase finale della sintesi dei loro RNA messaggeri che trasportano l’impronta chimica utile alla sintesi delle proteine. Un processo chiamato poliadenilazione.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

[…] Da un fungo tibetano parassita un efficace antinfiammatorio CondivisioneLeggi anche Alfano e il futuro di Fini De Benedetti lascia la Cir ai tre figli. Rodolfo prossimo presidente A Roma dalla Russia (e dalla Cina)  con l’autore  La squadra di calcio “peggiore del mondo” L’apartheid secondo Bridget Baker. Al MAMbo per Gender Bender (gallery) […]

[…] Un team di scienziati dell’Universita’ di Nottingham ha scoperto che un raro fungo parassita, che vive sui bruchi in letargo in Tibet, potrebbe svolgere importanti funzioni antinfiammatorie e diventare un principio attivo per farmaci contro condizioni come l’asma. Il fungo “Cordyceps” e’ un raro parassita che vive sui bruchi delle montagne tibetane e per secoli e’ stato utilizzato e venduto a prezzi esorbitanti come rimedio della medicina tradizionale cinese. Lo studio e’ stato descritto in un articolo pubblicato sulla rivista Rna. Gli scienziati hanno scoperto il potenziale antinfiammatorio del fungo analizzando la cordicepina, una delle sostanze rilevate nel parassita. … Leggi il resto »

Archivi

2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x