Batteri intestinali: dividono la…

Si chiamano "enterotipi",…

Nascituri pretermine a rischio a…

I bambini che sono nati p…

Stress post-traumatico: affronta…

Un nuovo studio condotto …

Gilead annuncia le percentuali d…

SVR12 nel 96% dei pazient…

Scoperta una proteina che rallen…

Bloccando una proteina c…

SLA: scoperti punti deboli studi…

Alcuni studiosi american…

Ipersonnia: è un sonnifero che '…

Alcune persone soffrono d…

Tumore della laringe: un interve…

[caption id="attachment_7…

“Update On Pain”: l’aggiornament…

Minorca, 09 Maggio 2014 –…

Nuovi protocolli di conservazion…

I senologi di tutto il mo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Schizofrenia: scoperta connessione con perdita di sonno

Un team di neuroscienziati, studiando il legame tra il poco sonno e la schizofrenia, ha scoperto che il sonno irregolare e l’attivita’ cerebrale desincronizzata durante il riposo possono innescare alcuni dei sintomi della malattia. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista ‘Neuron’ e suggeriscono che il sonno disturbato e di scarsa qualita’ prolungato per lunghi periodi potrebbe essere una causa e non solo una conseguenza degli effetti debilitanti del disordine psichiatrico. Lo studio e’ stato coordinato dall’Universita’ di Bristol e il Lilly Centre for Cognitive Neuroscience. La ricerca ha esplorato l’impatto del sonno irregolare sul cervello, registrando l’attivita’ cerebrale elettrica in numerose regioni cerebrali durante il riposo.

Per molte persone la privazione del sonno puo’ influenzare l’umore, la concentrazione e i livelli di stress. In casi estremi puo’ generare allucinazioni, perdita di memoria e confusione: tutti sintomi associati alla schizofrenia. Il team ha rilevato la desincronizzazione delle onde di attivita’ cerebrale che normalmente viaggiano dalla parte anteriore alla parte posteriore del cervello durante il sonno profondo. In particolare, Il flusso di informazioni tra l’ippocampo, coinvolto nella formazione della memoria, e la corteccia frontale, coinvolta nei processi decisionali, appare perturbato.

1 comment

  1. Ethan

    Certamente da ora in poi molti cercheranno di dormire meglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: