Le "vibrazioni" delle proteine d…

Le proteine del corpo uma…

Ricerca approfondisce l'argoment…

[caption id="attachment_5…

Come il cervello regola la densi…

[caption id="attachme…

Interpretare e guarire il dolore…

Gli specialisti apprender…

Disturbi del pavimento pelvico: …

[caption id="attachment_6…

Seni "rifatti" under 18 adesso p…

Mai più "ritocchini" al s…

Malaria: vaccino con parassiti "…

Molti vaccini contro…

I batteri intestinali: studi rec…

La funzione di una flora …

Tumore al fegato: al Gemelli pri…

Il primo trattamento di …

Quando l’allergia da punture d’i…

I pediatri della Società …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epatite C: studi dimostrano l’efficacia di cure “interferon free” con risultati di guarigione pari al 99%

Pillole in grado di trattare l’epatite C con maggiore efficacia, meno effetti collaterali e in minor tempo rispetto alle attuali terapie: nuovi farmaci antivirali che non richiedono l’utilizzo dell’interferone, attualmente indicato per la terapia contro questa infezione ma portatore di effetti collaterali anche gravi come cefalea, affaticamento, dolori, febbre, tiroiditi, depressione e caduta di capelli. La novità arriva dal Congresso mondiale dell’Associazione americana per lo studio delle malattie del fegato (Aasld), che si concluderà a Boston domani.


Quattro studi –
Della novità, che riguarda farmaci ancora in fase di sperimentazione e quindi ancora non disponibili sul mercato, si è parlato nel corso della presentazione di quattro studi che hanno portato all’attenzione della comunità scientifica le nuove future terapie per l’epatite C (Hcv) «interferon-free». Terapie somministrate esclusivamente per bocca, senza iniezioni – indispensabili per l’assunzione dell’interferone – capaci di eliminare il virus dell’epatite C nella quasi totalità dei casi e anche in quei pazienti che non rispondono positivamente ai trattamenti a base di interferone e nei pazienti più difficili da trattare, cioè quelli con il virus genotipo 1. Se presa in tempo e curata in modo appropriato, spiegano i ricercatori, dall’epatite C si può guarire, mentre se trascurata o scoperta troppo tardi può cronicizzarsi, e portare allo sviluppo di cirrosi epatica e cancro al fegato.

Esiti positivi fino al 99% dei casi trattati – «Questi studi – si legge nella sezione ‘Late-breaking abstract’ del sito del Congresso Aasld riservata alle ricerche di speciale considerazione – dimostrano che quasi tutti i pazienti che ricevono queste nuove pillole senza interferone sconfiggono il virus dell’epatite C, anche coloro che non avevano risposto alle terapie a base di interferone. Dato che questi farmaci sono ben tollerati, questi risultati, se verranno confermati, potranno portare a cambiamenti importanti nella pratica farmacologica». I nuovi trattamenti otterrebbero percentuali di successo pari al 93-99% dei casi, contro il 50-70% dei successi ottenibili dalle attuali terapie a base di interferone, e necessiterebbero di tempistiche di somministrazione meno lunghe – i trattamenti attuali durano in fatti tra le 24 e le 72 settimane (6-18 mesi), contro le 12-24 settimane (3-6 mesi) delle nuove terapie.

 

Qualche numero – L’Italia è il Paese europeo con il maggior numero di persone positive al virus dell’epatite C.  Circa il 3% della popolazione italiana è entrata in contatto con l’Hcv e il 55% dei soggetti con Hcv è infettata dal genotipo 1.  Nel nostro Paese i portatori cronici del virus sono circa 1,6 milioni, di cui 330.000 con cirrosi epatica: oltre 20.000 persone muoiono ogni anno per malattie croniche del fegato (due persone ogni ora) e, nel 65% dei casi, l’epatite C risulta causa unica o concausa dei danni epatici.

 

Lo studio dell’epatite C: un’area promettente – «Stiamo vivendo un momento davvero molto eccitante – commenta la presidente del Congresso Aasld, Guadalupe Garcia-Tsao -. Mentre fino a pochi anni fa non erano infatti disponibili terapie specifiche per le malattie del fegato, ora disponiamo di molte diverse terapie e una delle aree più promettenti è proprio quella dell’epatite C, una delle principali cause delle malattie del fegato nel mondo».

Salute Il Sole 24 Ore

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!