Polline: 1,2 milioni di bambini …

In Italia, tra marzo e a…

Cancro al seno e obesita': scope…

Un comune "mantra" che ci…

Barbecue non proprio 'salubre': …

[caption id="attachment_7…

Sistema immunitario e nanopartic…

La nanotecnologia è un'in…

Linagliptin compresse ottiene pa…

La nuova indicazione pr…

Protesi PIP e Codacons: per il T…

"Il Tar del Lazio, con un…

Dal Nilo, sulle mummie, la stori…

Già 1500 anni fa, le prat…

La corretta interpretazione dell…

E' stata considerata inut…

Quale futuro per il nostro Servi…

CEIS, Il Sole 24 Ore Sani…

Tumori del seno: TAZ, un gene ch…

Si chiama TAZ ed è il gen…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Esami di screening: nessun riscontrato beneficio per cancro o eventi cardiovascolari

I check up per prevenire tumori e malattie cardiovascolari sono spesso inutili: a sostenerlo è uno studio del Nordic Cochrane Centre di Copenhagen guidato da Lasse Krogsbøll publicato su Cochrane Library. Secondo i ricercatori gli screening periodici per il monitoraggio del proprio stato di salute, oltre a provocare l’aumento del numero di nuove diagnosi, non riducono il numero di malati e i casi di mortalità per tumori e patologie cardiovascolari. Al risultato i ricercatori danesi sono giunti incrociando i dati raccolti da 14 studi, per un totale di 182.880 partecipanti e 18 anni di osservazione.

I controlli periodici di screening nascono con l’idea «di ridurre la morbilità e di allungare l’aspettativa di vita – si legge in un editoriale sullo studio pubblicato sul British Medical Journal – e portano a diversi potenziali benefici, tra cui l’individuazione dei fattori di rischio maggiori per prevenire lo sviluppo dei tumori ed evitare l’insorgere di malattie dell’apparato cardiovascolare, suggerendo per tempo diete appropriate e l’interruzione di abitudini come il fumo». Diversi, però, gli effetti «collaterali» che da questi controlli possono scaturire: i check up effettuati su persone sane possono infatti portare a «sovradiagnosi e trattamenti eccessivi» – come nel caso di diagnosi e cura di malattie che avrebbero potuto non presentare mai sintomi – senza dimenticare che «i test diagnostici più invasivi possono causare danni» e che il solo fatto di essere considerati «malati» può avere un impatto negativo sulla psicologia delle persone.

Secondo i ricercatori nuovi studi dovranno essere condotti non sulla popolazione in generale, ma in modo «mirato» su persone a rischio di sviluppo di specifiche malattie come il diabete, la broncopneumopatia cronica ostruttiva, le patologie renali e quelle cardiovascolari. «Gli esami di screening – scrivono gli studiosi del Nordic Cochrane Centre di Copenhagen – non hanno ridotto la morbilità e la mortalità, né in generale, né per cause cardiovascolari o per tumore, mentre hanno aumentato il numero delle nuove diagnosi. Possiamo quindi concludere che è improbabile che i controlli sanitari siano di beneficio».

1
Lascia una recensione

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Esami di screening: nessun riscontrato beneficio per cancro o eventi cardiovascolari | Solo Sogni Blog Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] Esami di screening: nessun riscontrato beneficio per cancro o eventi cardiovascolari CondivisioneLeggi anche Bindi: chiederò la deroga per ricandidarmi Preso da Twitter/ Non so avete colto, ma Monti in pratica ha detto: fate pure le elezioni, tanto governano Bce e Ue: "Please relax…". Di… Primarie, Renzi è a corto di idee E per gli slogan copia Fassino Una pena eccessiva, per una baracconata Morbo di Parkinson: scoperta una proteina che causa forma rara malattia […]

Archivi