Merck Serono completa l'arruolam…

Merck Serono completa l…

Cocaina: potrebbe essere una pre…

I risultati dello studio …

Tumore al seno: anche prima dei …

Una nuova analisi condott…

Vitiligine: efficace l'autotrapi…

[caption id="attachment_6…

Fu il plancton a contribuire sos…

Il plancton fornì un cont…

Fibromialgia: terapia psicologic…

Un intervento psicologico…

Ecolocalizzazione: potremmo vede…

[caption id="attachment_1…

Journal of Clinical Oncology: l’…

La pubblicazione, su un…

AiDS: un farmaco anti-rigetto st…

Una nuova ricerca pubblic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La caffeina aiuta il cervello ad individuare le parole positive

Una piccola dose di caffe’ incrementa la velocita’ e l’accuratezza con cui riconosciamo le parole che hanno una connotazione positiva. Lo studio, pubblicato sulla rivista PLOS ONE, e’ opera dei ricercatori dell’Universita’ di Ruhr, in Germania, e mostra che la caffeina rinforza l’elaborazione neurale delle parole positive, ma non di quelle con associazioni neutre o negative. Precedenti ricerche avevano mostrato che la caffeina incrementa l’attivita’ nel sistema nervoso centrale, e dosi normali di caffeina possono migliorare le performance su semplici prove cognitive e comportamentali.

E’ anche noto che alcune memorie sono rinforzate quando agli oggetti sono associate emozioni positive o negative, ma il legame fra consumo di caffeina e questi elementi emozionali era finora sconosciuto. Lo studio ha mostrato, per la prima volta, che il consumo di 200 milligrammi di caffeina, equivalenti a 2-3 tazze di caffe’, 30 minuti prima di un test puo’ migliorare il riconoscimento implicito di parole positive, senza avere pero’ alcun effetto sull’elaborazione di parole emotivamente neutre o negative. Gli autori suggeriscono che questo risultato e’ causato dai forti effetti dopaminergici che la caffeina ha sulle regioni del cervello dominanti per il linguaggio.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!