Dabigatran etexilato: rimborsabi…

• L’ Anticoagulante Ora…

Sedano e prezzemolo possono arre…

Una sostanza contenuta ne…

Resveratrolo e vino rosso: buono…

Il resveratrolo, la sosta…

Arriva il vaccino anti-fumo

Liberarsi del vizio del f…

Farmaci: una tecnica che trasfor…

Grazie a una nuova tecnic…

Nelle staminali del tessuto adip…

Una riserva di giovinezza…

Rigenerazione dei tessuti da cel…

Nuove ricerche della In…

Vitamina D3, cistatina e tumori …

[caption id="attachment_1…

L'occhio della donna ha le pupil…

Un nuovo studio dell'Univ…

Il paziente chiede informazioni …

Roma, 14 novembre 2014. “…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ortofonologia: non vi sono correlazioni con geni responsabili dislessia

”I Disturbi specifici dell’apprendimento (Dsa) non hanno al momento un’eziologia genetica certa, dato che non esiste un gene responsabile”.

Ad affermarlo e’ Giancarlo Zito, neurologo del servizio diagnosi e valutazione dell’Istituto di Ortofonologia, che precisa: ”Esistono molte sindromi neurologiche ad eziologia genetica certa, ovvero la cui espressivita’ clinica dipende dall’alterazione di uno o piu’ geni identificati (ad esempio la sindrome di Angelman o di Prader- Willi o ancora quelle forme di epilessia legate al malfunzionamento di canali ionici la cui espressione, come ogni proteina, e’ intimamente legata a geni). Nei Dsa invece – spiega – i potenziali geni coinvolti sono al momento pochi. Bisogna analizzare cosa comporti sul piano clinico (fenotipo) un’anomalia strutturale di queste porzioni cromosomiche e perche’ esistono dei disturbi che si mascherano da Dsa ma in realta’ non lo sono”.

La disprassia verbale, la balbuzie o ancora il ritardo nel linguaggio ”rappresentano un altro esempio di questo fenomeno – ha sottolineato il membro dell’equipe diagnostica dell’IdO – senza pero’ poter affermare che proprio un determinato gene alterato porti alla particolare patologia, perche’ non esiste una corrispondenza univoca tra l’alterazione di un gene ed il fenotipo corrispondente di Dsa”.

Secondo Zito, quindi, ”non deve passare il concetto che i Dsa siano un disturbo a base genetica ereditabile con modalita’ mendeliana, ma non si puo’ negare che in molti quadri clinici che si manifestano come Dsa si verifichi con maggior probabilita’ un’alterazione di uno dei geni. Spesso si rileva una familiarita’ nei Dsa che suggerisce la presenza di un coinvolgimento genetico, ma ripeto – ha concluso il neurologo – non e’ possibile oggi costruire una relazione causale con specifici geni”.

Zito affrontera’ il tema delle ‘Prospettive neurofisiologiche nei disturbi dell’apprendimento’ nel corso del XV convegno nazionale dell’IdO, in programma a Roma sabato 10 novembre dalle ore 9 alle 18 presso l’Istituto comprensivo Regina Elena.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!