Sindrome da stanchezza cronica: …

La sindrome da stanchezz…

CCSVI: Metodo Zamboni, parte la …

Lo specialista ha ipotizz…

Carcinoma epatico fibrolamellare…

Un passo in avanti verso …

Tumori al seno: aumentano rischi…

L'aumento di peso non aiu…

Quattromila composti chimici nel…

Il database è accessibile…

Le malattie infettive a scuola: …

Malattie infettive come p…

Nuova SARS: molecola impedisce l…

Alcuni scienziati della F…

Tumore alle vie biliari, scopert…

Si chiama PDGF-D ed è res…

Fascite necrotizzante: batterio …

I batteri responsabili d…

Protesi: in arrivo biomateriale …

In arrivo un nuovo materi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epatite C: terapia che riduce la mortalità

Fra i pazienti con epatite C cronica (Hcv) e una fibrosi epatica avanzata, una risposta virologica sostenuta (Svr) al trattamento con l’interferone e’ associata a un minor rischio di mortalita’, rispetto ai pazienti che non manifestano questa risposta.Hepatitis_C Lo studio dell’Erasmus MC University Medical Center e’ stato pubblicato su ‘Jama’. La risposta virologica sostenuta e’ definita come l’assenza di virus nel sangue a distanza di 24 settimane dalla cessazione della terapia antivirale. Sebbene la Svr abbia una durata sul lungo termine, erano scarsi i dati sulla sua relazione con la sopravvivenza.


“Questo studio dimostra direttamente i benefici clinici di una Svr, che potrebbero giustificare i costi della terapia antivirale”, scrivono gli autori della ricerca. Gli scienziati hanno infatti condotto uno studio per scoprire se il raggiungimento di una Svr comportasse un allungamento della sopravvivenza in pazienti con fibrosi epatica avanzata e Hcv. Lo studio ha coinvolto 530 pazienti: i ricercatori hanno accertato un ridotto rischio di morte rispetto a tutte le cause di mortalita’ e di mortalita’ legata al fegato oppure ai trapianti.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x