150 convegni in tutta Italia per…

Assogenerici, al via la…

Approvato olodaterolo in monosom…

·  Studi di Fase III hann…

Pediatria: ad un sonno prolungat…

Quando i bebe' fanno tant…

Arto rotto: il cervello inizia s…

Braccio destro ingessato …

Chirurgia bariatrica: non compor…

''Le operazioni di chirur…

Prostatite: tre domande per scop…

Dal congresso europeo deg…

Parkinson: scoperta nuova mutazi…

Un passo in avanti verso …

Dall'acne all'endocardite

Il batterio che causa l'a…

HPV - test genetico anche a casa…

Se le donne non vanno al …

Cellule staminali per riparare d…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: la scoperta di una molecola che inverte i sintomi della neurodegenerazione

Un nuovo promettente composto ha mostrato di recuperare la memoria perduta e invertire i sintomi dell’Alzheimer.alzheimer La ricerca pubblicata dalla rivista FASEB Journal e’ opera dei National Institutes of Health. La molecola si chiama TFP5 e agisce sulle placche e sui accumuli caratteristici di questa malattia neurodegenerativa bloccando un segnale cerebrale che e’ iperattivo.Questo processo e’ riuscito a ripristinare le memorie di alcuni modelli murini in cui e’ stato iniettato il composto e nei quali era stata indotta una malattia equivalente all’Alzheimer umano.


Inoltre, non si e’ presentato nessun effetto collaterale. La molecola e’ stata introdotta con soluzione salina tramite iniezioni intraperitoneale mostrando una sostanziale riduzione dei vari sintomi della malattia con recupero della memoria perduta. Non si e’ poi presentata nessuna perdita di peso, stress neurologico o alcun segno di tossicita’. La TFP5 e’ stata ricavata da un enzima regolatore chiave del cervello, chiamato Cdk5: una attivita’ eccessiva di questo enzima e’ implicata nella formazione delle placche tipiche dell’Alzheimer.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi