Processo formazione virus HIV: o…

Un gruppo di ricercatori …

Merck lancia SPOT My TRIAL, prog…

L’iniziativa prevede …

A Bologna il VII Congresso Nazio…

Nel capoluogo emiliano …

[Aduc]Vaccini: luoghi comuni, bu…

Dal fatto che il morbillo…

Ipersonnia: è un sonnifero che '…

Alcune persone soffrono d…

Tumore dell'ovaio: più informazi…

A Milano incontro pubblic…

Vitamina D non efficace in tutti…

Le carenze di vitamina D…

Ossitocina: l'ormone che rende f…

L’ormone ossitocina potre…

L’aumento della spesa privata in…

La scelta di mettere on-l…

Identificato un metodo per gener…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: la scoperta di una molecola che inverte i sintomi della neurodegenerazione

Un nuovo promettente composto ha mostrato di recuperare la memoria perduta e invertire i sintomi dell’Alzheimer.alzheimer La ricerca pubblicata dalla rivista FASEB Journal e’ opera dei National Institutes of Health. La molecola si chiama TFP5 e agisce sulle placche e sui accumuli caratteristici di questa malattia neurodegenerativa bloccando un segnale cerebrale che e’ iperattivo.Questo processo e’ riuscito a ripristinare le memorie di alcuni modelli murini in cui e’ stato iniettato il composto e nei quali era stata indotta una malattia equivalente all’Alzheimer umano.


Inoltre, non si e’ presentato nessun effetto collaterale. La molecola e’ stata introdotta con soluzione salina tramite iniezioni intraperitoneale mostrando una sostanziale riduzione dei vari sintomi della malattia con recupero della memoria perduta. Non si e’ poi presentata nessuna perdita di peso, stress neurologico o alcun segno di tossicita’. La TFP5 e’ stata ricavata da un enzima regolatore chiave del cervello, chiamato Cdk5: una attivita’ eccessiva di questo enzima e’ implicata nella formazione delle placche tipiche dell’Alzheimer.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi