Cannabis raddoppia rischi di inc…

Mettersi alla guida entro…

Diabete, due forme conosciute, m…

Sono i granuli tossici de…

H1N1: la mutazione che rende il …

La sostituzione di un'occ…

HPV: nuovo test aiuta a predire …

Sviluppato un test del sa…

Ricercatori europei sono riuscit…

Un team di ricercatori is…

La Starting Grant del CER dà il …

[caption id="attachme…

Antibiotici prima dei 6 mesi di …

Trattare i bambini molto …

Proteina orexina, legata alla so…

La proteina orexina, che …

Vicenda pannoloni: Fondazione it…

De Gennaro, Presidente Co…

Polmonite, rischio aggravato dur…

L'influenza aumenta …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: la scoperta di una molecola che inverte i sintomi della neurodegenerazione

Un nuovo promettente composto ha mostrato di recuperare la memoria perduta e invertire i sintomi dell’Alzheimer.alzheimer La ricerca pubblicata dalla rivista FASEB Journal e’ opera dei National Institutes of Health. La molecola si chiama TFP5 e agisce sulle placche e sui accumuli caratteristici di questa malattia neurodegenerativa bloccando un segnale cerebrale che e’ iperattivo.Questo processo e’ riuscito a ripristinare le memorie di alcuni modelli murini in cui e’ stato iniettato il composto e nei quali era stata indotta una malattia equivalente all’Alzheimer umano.


Inoltre, non si e’ presentato nessun effetto collaterale. La molecola e’ stata introdotta con soluzione salina tramite iniezioni intraperitoneale mostrando una sostanziale riduzione dei vari sintomi della malattia con recupero della memoria perduta. Non si e’ poi presentata nessuna perdita di peso, stress neurologico o alcun segno di tossicita’. La TFP5 e’ stata ricavata da un enzima regolatore chiave del cervello, chiamato Cdk5: una attivita’ eccessiva di questo enzima e’ implicata nella formazione delle placche tipiche dell’Alzheimer.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x