Cuore torna a battere con cellul…

Lo studio dell'Univer…

Bibite dolcificate: a rischio de…

Bere troppe bibite dolcif…

Alzheimer: arteterapia e sindrom…

Applicata alla demenza,…

Morbo di Parkinson: scoperta pro…

Scoperta la proteina-sent…

La differenziazione delle cellul…

Sono alcune cascate d…

Patologie cardiache: saranno tra…

L'uso su malati cardiopat…

Le cellule "assassine" che posso…

Grazie a una nuova ricerc…

Ustioni gravi con pomate antidol…

Alcune pomate antidolori…

La missione benessere sara' mant…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Degenerazione maculare senile: l’aspirina potrebbe aumentare i rischi

Un uso regolare di aspirina e’ associato a un incremento del rischio di sviluppare la degenerazione maculare senile neovascolare (Amd), la principale causa di cecita’ nelle persone anziane, indipendentemente dalla storia personale di malattie cardiovascolari o dal fumo. degenerazione_maculareLa ricerca della University of Sydney e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Jama Internal Medicine’. Gli scienziati hanno condotto un’analisi di prospettiva dei dati provenienti da uno studio australiano che includeva quattro sessioni di valutazione della durata complessiva di 15 anni: su 2.389 partecipanti, 257 (ossia il 10,8 per cento) facevano regolare uso di aspirina.


I risultati hanno mostrato che dopo il periodo di analisi considerato, 63 soggetti (il 24,5 per cento) aveva sviluppato Amd neovascolare incidente. “L’incidenza cumulativa dell’Amd neovascolare fra i soggetti che non usavano regolarmente l’aspirina era dello 0,8 dopo 5 anni, dell’1,6 per cento dopo 10 e del 3,7 per cento dopo 15 anni. Fra i consumatori regolari di aspirina, l’incidenza cumulativa era dell’1,9 per cento dopo 5 anni, del 7 dopo 10 e del 9,3 per cento dopo 15 anni. L’uso regolare di aspirina era significativamente associato a un incremento di incidenza dell’Amd neovascolare”, scrivono gli scienziati.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi