Tumori: provocati uno su 40 da e…

In almeno un caso su 40 i…

Osteoartrite: è forte la correla…

I telomeri, le porzioni …

HIV: in vitro scienziati modific…

Gli scienziati della Ucla…

Fecondazione assistita accessibi…

[caption id="attachme…

Cuore artificiale: Italia effett…

L'operazione effettuata g…

Sudore: una fibra tessile studia…

I ricercatori dell'Imem-C…

Si apre Impact proactive 2014: l…

Gli esperti del summit an…

Un marker per la malattia di Cre…

LA metodica è basata sull…

Aviaria: è più infettiva, ma men…

Una nuova metanalisi rico…

I flavonoidi sono alleati del cu…

La ricerca scientifica su…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Infartuati: nei primi mesi a rischio depressione

Infartuati piu’ a rischio depressione secondo un nuovo studio dell’Universita’ di Lussemburgo.infarto_miocardio “Le persone sopravvissute a un attacco cardiaco triplicano le possibilita’ di ammalarsi di depressione durante i primi sei mesi dopo l’incidente rispetto alle persone che non soffrono di patologie cardiache”, ha spiegato l’autore della ricerca Claus Vaele, docente di Clinical and Health Psychology, “una depressione che se e’ trascurata dal medico e non e’ trattata con alcuna terapia finisce per peggiorare la prognosi del paziente”. Lo studio “Cardiac Threat Appraisal and Depression after First Myocardial Infarction” e’ stato pubblicato sul sito www.uni.lu e ha coinvolto trentasei pazienti intervistati dal quinto al cinquantesimo giorno dal primo attacco di cuore, dai sei a otto settimane dopo e nuovamente dopo sei mesi.


I test prevedevano domande sullo stato di benessere psico-fisico e di gratificazione generale, al lavoro e in famiglia. I risultati dimostrano per la prima volta che chi ha subito un attacco cardiaco ha tre volte in piu’ le possibilita’ di ammalarsi di depressione durante i mesi successivi all’evento traumatico. Lo studio ha, inoltre, rilevato che se i medici trascurano l’insorgere della patologia psichiatrica, questa costituira’ un ulteriore fattore di rischio per la salute dei pazienti cardiopatici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi