Vaccini: nuova generazione in gr…

Le vaccinazioni in p…

Trapianto utero: tra due anni ci…

[caption id="attachme…

Contro il diabete di tipo 1, ins…

[caption id="attachment_7…

Tumore del colon retto: ricerca …

I ricercatori dell'Irgb-C…

La 'Terapia fotodinamica' che so…

[caption id="attachment_1…

"Tintarella naturale" con frutta…

Ciò che mangi ti si legge…

Eccellenza “targata” al reparto …

Una targa prestigiosa -ch…

Nobel per la medicina o fisiolog…

Il Nobel per la medicina …

Studi nipponici su cellule stami…

Cellule nervose ottenute …

Nuovi neuroni ottenuti come risp…

Gli scienziati sono riusc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La sindrome di Otello, gelosia ed invidia, sono “ospitati” in un’area specifica del cervello

La gelosia delirante a cui sono associati comportamenti aggressivi come lo stalking, il suicidio o l’omicidio sarebbe legata allo squilibrio di una specifica area del cervello.corteccia_prefrontale E’ questo il risultato di uno studio condotto da un team di ricercatori del Dipartimento di medicina clinica e sperimentale dell’università di Pisa, pubblicato sulla rivista ‘Cns – Spectrums’ della Cambridge University Press.
Secondo gli autori dell’articolo – Donatella Marazziti, Michele Poletti, Liliana Dell’Osso, Stefano Baroni e Ubaldo Bonuccelli – le radici neuronali della cosiddetta ‘sindrome di Otello’ si troverebbero nella corteccia frontale ventro-mediale, un’area del cervello che sovrintende complessi processi cognitivi e affettivi.


“Abbiamo elaborato un modello teorico – spiega Marazziti – basato sull’osservazione clinica dei pazienti affetti da schizofrenia, alcolismo e morbo di Parkinson, nei quali sono molto comuni le manifestazioni di gelosia delirante, in particolare nei soggetti che soffrono di morbo di Parkinson e che sono curati con farmaci che incrementano la produzione di dopamina”.
“L’indagine empirica delle basi neurali della gelosia è solo all’inizio e ulteriori studi sono necessari per chiarirne le radici biologiche”, avverte Marazziti. Se infatti la gelosia è un sentimento del tutto naturale, il punto è individuare lo squilibrio biochimico che trasforma questo sentimento in un’ossessione pericolosa. Pensare che la relazione con la persona amata sia l’unica cosa importante della propria vita, interpretare erroneamente i comportamenti e i sentimenti del partner e percepire la sua perdita come una totale catastrofe sono ad esempio sintomi che alla fine possono portare a comportamenti aggressivi ed estremi. “La speranza – conclude Marazziti – è che una maggiore conoscenza dei circuiti cerebrali e delle alterazioni biochimiche che sottendono i vari aspetti della gelosia delirante possa aiutare ad arrivare ad un’identificazione precoce dei soggetti a rischio”. (Adnkronos Salute) –

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi