Glaucoma: sintomi ridotti da vin…

Vino rosso (ma in quantit…

Monitorare tumore ai polmoni con…

La risposta ai trattament…

Chirurgia bariatrica: non compor…

''Le operazioni di chirur…

Studio rivela che una proteina c…

[caption id="attachment_1…

Da allevamenti cinesi arrivano s…

L'uso incontrollato di an…

Emofilia B: Sobi e Biogen Idec …

• Lo studio soddisfa l’e…

Sclerosi Multipla: "l'altra ipot…

La causa della Sclerosi M…

Allergie: i batteri intestinali …

I batteri che vivono norm…

Un test molecolare per la diagno…

[caption id="attachment_9…

Screening genetico per ovociti e…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un nastro adesivo molecolare per guarire le ferite

Quando ci si ferisce una serie di molecole lavora insieme per ‘tappare’ il buco’, per poi dissolversi nel sangue fino alla necessita’ successiva. molecular_bandaidA capire esattamente il ruolo dei vari agenti del sangue e’ stato uno studio del Mit di Boston pubblicato da Nature Communication, che verra’ usato per imitare il comportamento del ‘nastro adesivo’ protagonista del processo con materiali sintetici.


Una delle scoperte piu’ importanti, spiegano gli autori, e’ che maggiore e’ la velocita’ del sangue che esce maggiore e’ l’efficacia del sistema che ‘tappa il buco’. La molecola chiave e’ il fattore di von Villenbrand, un biopolimero che normalmente viaggia nel sangue in forma arrotolata: “Quando incontra una ferita pero’ si srotola, e come un nastro adesivo espone una parte appiccicosa – spiegano gli autori – al biopolimero si attaccano le piastrine, e in pochi secondi c’e’ gia’ una prima ‘toppa’, che viene poi perfezionata nel tempo da altre cellule”. Nel sangue circola anche una specie di ‘forbice molecolare’, ha scoperto lo studio, che interrompe il processo quando e’ necessario.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!