Colesterolo alto: pronto macchin…

Alcuni pazienti sono gene…

“Storie di vita negli anni d’arg…

Una ricerca condotta da F…

DAPHNE LAB, biomedica italiana a…

Già presente in Italia co…

Pediatria - Estate e bambini: us…

Roma, 26 luglio 2012 – L’…

Da invertebrati a vertebrati: co…

In una specie di emicorda…

Gene invecchiamento legato all'i…

Un gene che aiuta a c…

Big Pharma, il cento per cento d…

I settori principali sono…

Tumori del colon: 234 sono i gen…

I geni coinvolti nello sv…

Asma: gli ftalati sono una causa…

Due comuni ftalati utiliz…

Talassemia: il deferiprone si ri…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un nastro adesivo molecolare per guarire le ferite

Quando ci si ferisce una serie di molecole lavora insieme per ‘tappare’ il buco’, per poi dissolversi nel sangue fino alla necessita’ successiva. molecular_bandaidA capire esattamente il ruolo dei vari agenti del sangue e’ stato uno studio del Mit di Boston pubblicato da Nature Communication, che verra’ usato per imitare il comportamento del ‘nastro adesivo’ protagonista del processo con materiali sintetici.


Una delle scoperte piu’ importanti, spiegano gli autori, e’ che maggiore e’ la velocita’ del sangue che esce maggiore e’ l’efficacia del sistema che ‘tappa il buco’. La molecola chiave e’ il fattore di von Villenbrand, un biopolimero che normalmente viaggia nel sangue in forma arrotolata: “Quando incontra una ferita pero’ si srotola, e come un nastro adesivo espone una parte appiccicosa – spiegano gli autori – al biopolimero si attaccano le piastrine, e in pochi secondi c’e’ gia’ una prima ‘toppa’, che viene poi perfezionata nel tempo da altre cellule”. Nel sangue circola anche una specie di ‘forbice molecolare’, ha scoperto lo studio, che interrompe il processo quando e’ necessario.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x